Foscolo, Romanticismo e Leopardi

Appunto inviato da formichina
/5

Appunti sulla vita e opere di Ugo Foscolo e di Giacomo Leopardi e caratteristiche del Romanticismo (8 pagine formato doc)

FOSCOLO, ROMANTICISMO E LEOPARDI

Ugo Foscolo.

La vita - Nasce nel 1778 a Zante da padre italiano e madre greca. Alla morte del padre la famiglia ebbe grosse difficoltà economiche. Nel 1793 raggiunge la madre a Venezia. Si entusiasma per i principi della Rivoluzione francese e, a causa di problemi con l’oligarchia veneziana, nel 1796 si rifugia sui colli Euganei. Dopo la delusione del Trattato di Campoformio si rifugia a Milano, dove conosce Parini e Monti. Partecipa a varie imprese militari.
Nel 1808 ottiene la cattedra di eloquenza a Pavia. A causa di una tragedia contestata si trasferisce a Firenze . Torna a Milano e, per motivi politici fugge a va in esilio prima in Svizzera, poi a Londra. Muore nel 1827.
Le “Ultime lettere di Jacopo Ortis
È la prima opera importante di Foscolo, nasce nel 1798, ma viene continuamente rivista, fino alla pubblicazione nel 1817.
- Genere: romanzo epistolare
- Modelli: “I dolori del giovane Werther” di Goethe, l’Ortis è però più legato alla politica
- Trama: Jacopo è un giovane patriota che dopo il Trattato di Campoformio si rifugia sui Colli Euganei. S’innamora di Teresa, che è già promessa ad Odoardo, esatto opposto di Jacopo. La disperazione lo spinge a peregrinare per l’Italia fino alla notizia del matrimonio di Teresa che lo porta al suicidio
- Temi:
Tema autobiografico
Conflitto politico- delusione dopo la rivoluzione francese- mancanza di una patria
Morte come distruzione totale e nulla eterno, come unica via di fuga
Atteggiamento titanico- ricerca di valori positivi

UGO FOSCOLO: POETICA

Stile: prosa aulica
Letture:
Il sacrificio della patria nostra è consumato (T13, pag. 84)
Figura della madre
“illacrimata sepoltura
disillusione per il Trattato di Campoformio
morte come forma di sopravvivenza- illusioni
Il colloquio con Parini: la delusione storica (T14, pag. 86)
Parini è simbolo della ragione
Impossibilità dell’azione politica
Tema del suicidio
Illusioni e mondo classico (T17, pag.94)
Illusioni come mezzo di evasione dalla realtà
Teoria del “buon selvaggio” di Rousseau
Amore, bellezza, arte come forza positive
Il sistema dei personaggi nell’Ortis (M3, pag.  97)
Le odi e i sonetti

UGO FOSCOLO: OPERE

Odi :
Stile: aulico, sintassi neoclassica
Temi: la bellezza femminile
Titoli: “ A Luigia Pallavicini caduta da cavallo”, “All’amica risanata”
Sonetti:
Stile: aulico, sintassi neoclassica
Temi: autobiografici
Letture:
Alla sera (T19, pag. 102)
“nulla eterno”- concezione materialistica della morte, morte come liberazione
“reo tempo”- irrequietudine legata al momento storico in cui Foscolo vive
“spirto guerrier” – atteggiamento titanico nei confronti della vita
In morte del fratello Giovanni (T20, pag. 104)
Importanza della tomba
Importanza della figura materna, che rappresenta la patria
Morte come rifugio
A Zacinto (T21, pag. 106)
Acqua come fonte di vita
Importanza della patria
Tema dell’ “illacrimata sepoltura”.

Ultime lettere di Jacopo Ortis: analisi

UGO FOSCOLO: I SEPOLCRI

I sepolcri
Questo carme nasce  in occasione di una discussione avvenuta con Pindemonte, nel 1806, sull’Editto di Saint- Cloud (1804), che prevedeva lo spostamento dei cimiteri fuori dalle città.
(T22, pag. 109)
Forma: 295 endecasillabi sciolti, epistola poetica
Modelli: poesia cimiteriale di Young e Gray
Linguaggio: aulico
Temi:è una meditazione filosofico-politica
Superamento del nichilismo
Importanza della tomba come elemento per ricordare il defunto- le tombe dei grandi sono di insegnamento per i posteri
Polemica contro le classi alte italiane
Il poeta visto come eroe (figura del Parini)
Poesia con funzione profetica
Poesia che deve ricordare i vinti
Poesia come unico mezzo di sopravvivenza dopo la morte
Struttura del carme: ricca di flash-back, di riferimenti mitologici, si succedono spazi aperti a spazi chiusi, epoche recenti e epoche antiche.
Vv 1-90  funzione civilizzatrice delle tombe
1-22 fase materialista- inutilità delle tombe fastose