Sulla poesia ingenua e sentimentale di Schiller: riassunto

Appunto inviato da devildaughter
/5

Sulla poesia ingenua e sentimentale: riassunto del saggio di Schiller (1 pagine formato doc)

SULLA POESIA INGENUA E SENTIMENTALE DI SCHILLER: RIASSUNTO

Friederich SchillerPoesia Ingenua e Poesia Sentimentale. Il saggio sulla poesia ingenua e sentimentale, pubblicato da Schiller nel 1800, ebbe un’influenza decisiva nell’elaborazione delle teorie romantiche in Germania.

La distinzione tra “poesia ingenua” e “poesia sentimentale”, che coincide in gran parte con “poesia degli antichi” e “poesia dei moderni”, dava una base sistematica e filosofica a un confronto che sarà poi alla base delle idee divulgative in tutta Europa da August Wilhelm von Schlegel e da M.me de Staël.

Alla base del discorso di Schiller c’è l’opposizione tra due stadi dell’evoluzione umana, la natura e la cultura. La prima si configura come spontaneità, pienezza di vita tutta risolta nella fisicità delle esperienze e delle sensazioni; la seconda è caratterizzata dalla perdita di questa unità originaria: l’umanità civilizzata si è separata dalla natura e la sente come aspirazione, come felicità perduta.

L’infinità del sentimento è interpretata come la tensione verso un ideale infinitamente distante.

Lettere sull'educazione estetica dell'uomo di Schiller: riassunto

SCHILLER SULLA POESIA INGENUA E SENTIMENTALE: RIASSUNTO

A queste due condizioni storiche corrispondono due generi poetici: l’”ingenuo”, tipico degli antichi Greci, espressione diretta dell’unità tra l’uomo e la natura, e il “sentimentale”, proprio dei moderni, che esprime la perdita e il bisogno inappagato della natura. I due generi possono essere paragonati sul piano del valore poetico, ma il secondo è caratterizzato da una maggiore profondità e complessità. Con queste distinzioni Schiller dava una base teorica all’esigenza di riconoscere il valore di una poesia moderna che si era liberata dai canoni tradizionali di imitazioni dei classici; di qui la grande importanza di questo saggio per le successive teorizzazioni dei romantici.

Maria Stuarda di Schiller: analisi