Giosuè Carducci: La canzone di Legnano

Appunto inviato da maximilian2231
/5

Breve commento della poesia storica di Carducci. (2 pg - formato word) (0 pagine formato doc)

LA CANZONE DI LEGNANO LA CANZONE DI LEGNANO 1° Federico imperatore è a Como.
Ad un tratto un messaggero entra a Milano da Porta Nova e passando chiede al popolo di Milano di fargli scorta sino al console Gherardo. Il console era in mezzo alla piazza e il messaggero piegandosi verso il console proferì poche parole e corse, col suo cavallo, via. Allora il console Gherardo fa un cenno e le trombe del parlamento squillarono. 2° Le trombe del parlamento squillarono: perché anche il grande palazzo del podestà non era risorto su grandi pilastri, ne il luogo riservato alle riunioni dei cittadini del libero comune medioevale c'era, ne la torre c'era, ne alla torre in cima la campana. Fra i ruderi che neri verdeggiano le spine, fra le basse case di legno nella piccola piazza i milanesi tennero parlamento sotto il Sole di maggio.
3° "Signori milanesi" il console dice, "la primavera in fiore arricchisce i tedeschi come di consueto. Fanno festa gli obesi nelle loro case e poi scendono a valle. Per l'Engadina due arcivescovi scomunicati fecero uno sforzo. La bionda imperatrice trasse al re oltre che il cuore anche un giovane esercito. Como passò dalla parte dell'imperatrice e lasciò la lega". Il popolo grida "Alla distruzione Como". 4° "Signor milanesi" il console dice: l'imperatore ha fatto una spedizione militare a Como, muove l'esercito per raggiungere il marchese di Monferrato e i pavesi. Quale volete milanesi? O aspettare dal nuovo argine armato, o mandare messaggeri a Cesare, o affrontare in battaglia il Barbarossa con lance e spade? "Lance e spade" tuona il parlamento."Lance e spade contro il Barbarossa in campo di battaglia". 5° Ora si fa avanti Alberto di Giussano. Di ben tutta la spalla egli sovrasta i presenti in piedi intorno al console. Nella sua grande stazza della sua persona che grandeggia in mezzo al parlamento. in mano ha l'elmo, la bruna parrucca che copre una parte del collo e tutte le spalle. Il Sole batte sull'onesta faccia nella chioma e negli occhi risplende. 6° "Fratelli milanesi, popolo mio! Vi ricordate..." dice Alberto di Giussano, "le calende di marzo? I consoli cavalcarono a Lodi e con le spade sguainate in mano giurarono obbedienza. Cavalcammo in 300 nel quarto giorno ed ai piedi, baciando, gli demmo i nostri 36 stendardi. Mastro Guglielmo gli offrì le chiavi di Milano povera. E non successe nulla". 7° "Vi ricordate", dice Alberto di Giussano, " il 6 marzo? Egli ha voluto ai suoi piedi tutti i fanti e il popolo. Gli abitanti venivano dalle tre porte, il carro era pronto per la guerra; tutto il popolo è ridotto in schiavitù e le croci tenevano in mano. Dinanzi a lui le trombe del carro suonarono gli ultimi squilli, davanti a lui l'antenna del carroccio piegò lo stendardo. Egli toccò i lembi". 8° "Vi ricordate", dice Alberto di Giussano, " eravamo vestiti con i sacchi della penitenza, con piedi scalzi e avevamo le corde al collo, i capi erano sparsi di cenere, nel fango ci inginocchiavamo e tendevamo le braccia e chiedevamo miseri