L'illuminismo e i giorni d'oggi

Appunto inviato da cuciol
/5

Tema sulle convergenze e sulle differenze che legano e separano il secolo dei lumi dal mondo del 2000 (1 pagina, formato word) (0 pagine formato doc)

L'illuminismo è stato un periodo storicamente e culturalmente L'illuminismo è stato un periodo storicamente e culturalmente rivoluzionario durante il quale l'uomo, grazie ad una fiducia smisurata nella sua “luminosa” razionalità, ha trasformato una società superstiziosa, dogmatica e assolutistica in una societàlibera, egualitaria e dinamica.
E' chiaro dunque che il mondo d'oggi è per molti aspetti debitore ed erede di quel grande rinnovamento politico, economico e religioso iniziato nel 1700 e che molti dei suoi principi rimangono attuali ed importanti a distanza di secoli. E' sicuramente attuale il principio illuministico secondo il quale ogni uomo è uguale in quanto dotato di ragione ed è in grado, grazie a questa, di fare e di diventare ciò che vuole nella propria vita.
E' grazie agli ideali settecenteschi infatti, se il nostro non è più un mondo medievale fatto di doveri e caste ma un mondo in cui ognuno nasce con il diritto di essere “faber ipsius fortunae”. Ugualmente attuale è quel atteggiamento cosmopolita con il quali i philosophes illuministi si credevano cittadini del mondo. A distanza di due secoli, gli incredibili progressi elettronici e i numerosi miglioramenti nel settore dei trasporti, hanno esteso a tutti gli abitanti di questa Terra la possibilità di raggiungere in poche ore qualsiasi luogo e di comunicare ancora più facilmente e velocemente con persone di altre nazione e di altre culture. Purtroppo però il nostro secolo ha sperimentato e sta sperimentando ancora molte conseguenze negative che gli intellettuali di quel periodo, così fiduciosi e speranzosi nella razionalità umana, non avevano previsto. Non avevano previsto infatti che l'umanità raggiungesse un livello tecnologico così alto da trasformare e sfruttare le risorse naturali non solo a proprio beneficio, ma addirittura a rischio della loro estinzione. Il mondo d'oggi è fortemente in pericolo sotto il punto di vista ambientale. Molti e molto gravi sono i problemi relativi all'inquinamento e al sovraconsumo di fonti energetiche non rinnovabili. Il progresso non è sempre andato pari passo con il rispetto della natura e delle sue ricchezze così che, anche se molti ideali illuministi sono ancora validi, non è sicuramente ancora vivo e presente quel ottimismo cosìdiffuso nel `700. Non avevano previsto poi che l'uomo, lasciato alla propria razionalità, dimenticasse col tempo l'utilità sociale ed iniziasse a calcolare e a ragionare in termini egoistici. La razionalità da sola non è sufficiente a migliorare il mondo, come credevano gli illuministi e, anche se ognuno è potenzialmente uguale grazie alla propria intelligenza, viviamo in una società individualista e ancora molto divisa dalla ricchezza, dal benessere e dal potere. Come uomo del 2000 riconosco al secolo dei “lumi” un ruolo importantissimo nella crescita razionale dell'uomo e allo stesso tempo riconosco la necessità, accanto ad essa, di una crescita interiore orientata verso il ris