Il tema delle illusioni in Foscolo e Leopardi

Appunto inviato da brokenhope Voto 8

Concetto di illusione in Foscolo e Leopardi: riassunto (1 pagine formato doc)

ILLUSIONI IN FOSCOLO E LEOPARDI

Argomento: Illusioni in Leopardi e Foscolo
Titolo: Illusione: motore di vita e di morte

In ogni epoca storica, l’uomo ha sempre desiderato la felicità, eppure, spesso essa non si trova che nella propria mente, nel proprio cuore e nella propria fantasia. Insomma, nelle illusioni.
Specialmente in un’epoca storica travagliata come quella a cavallo tra i secoli 1700 e 1800, in cui l’individuo prendeva coscienza dei propri diritti e si accendeva dei valori individuali (rimanendo però singolo e impotente di fronte ai cambiamenti della storia), l’illusione fu il rifugio di poeti ed artisti. Essi divennero i portavoce del disagio, ed Ugo Foscolo e Giacomo Leopardi furono in Italia gli esponenti maggiori tra i cantori di questo malessere. Entrambi possono essere considerati come “vittime” del proprio tempo, ma soprattutto come uomini in grado di sentire, e che, nonostante una profonda introspezione, non parlano individualmente, ma si rivolgono all’universo intero, facendosi portavoce dei sogni e delle speranze che ognuno ha dentro, così come del disincanto che da esse deriva.

Il senso della vita e della morte in Foscolo e Leopardi: tema

COSA SONO LE ILLUSIONI PER FOSCOLO

Ugo Foscolo, affascinato in un primo tempo dallo spirito giacobino, ma infine deluso dal rovescio della sorte che aveva visto Napoleone trasformarsi da liberatore a tiranno, trovò rifugio nell’illusione, e la pose come risposta a quell’inquietudine che deriva dal conflitto tra ragione e cuore. Egli si rifaceva spesso al mondo antico, scegliendo il mito come rappresentazione di illusioni ancora intatte, descrivendo quel mondo di favola come luogo d’ingenua felicità, di perfezione. Ma, in ogni caso, questo rifugiarsi in qualcosa di già caduto, non può che accentuare l’amarezza che proviene dal disincanto, il drastico distacco tra il sogno e la realtà, tra i sentimenti dell’uomo e la crudeltà del mondo. Jacopo Ortis, infatti, sceglie la via del suicidio perché non riesce più a sopportare la propria sconfitta, nonostante siano state proprio le illusioni, o sogni e le speranze a dargli l’impulso per andare avanti.

Foscolo e Leopardi a confronto: tema

LE ILLUSIONI DI LEOPARDI

Anche Leopardi si sentiva profondamente a disagio nei confronti della propria epoca e della società in cui si trovava. Egli lottava tra il silenzio a cui avrebbe voluto abbandonarsi, come ogni uomo, disilluso, avrebbe l’istinto di fare, e quella voglia di combattere per rimanere in piedi e riscattarsi dalla umana condizione di “mezze belve”.
L’uomo si trova a fare i conti con una natura che gli è indifferente, se non, addirittura, avversa, ed ogni essere vivente sembra essere sempre schiacciato da una forza più grande di lui, che per quanto possa resistere rimane sempre fragile, e mortale. Ne “La ginestra”, per esempio, il poeta sprona gli uomini della propria epoca, almeno a riconoscere la bassezza e la futilità di quel tempo, confrontando l’aridità dei contemporanei con i valori più saldi dell’antichità. Ma poi, alla fine, la forza della natura è capace di distruggere l’uomo, il suo orgoglio e tutte le sue illusioni.