Impressionismo e letteratura: saggio breve

Appunto inviato da lorry83
/5

Saggio breve sui rapporti tra la letteratura del novecento e l'impressionismo e le caratteristiche dei pittori impressionisti (1 pagine formato doc)

IMPRESSIONISMO LETTERATURA

Impressionismo e letteratura.

Uno dei primi incontri tra letteratura e impressionismo avviene grazie alle opere di Verlaine, poeta maledetto del 19° secolo, prerogativa di questo autore è l’unire la poesia alla musicalità e al colore, così come, quindi, i pittori impressionisti ed espressionisti riportavano il loro stato d’animo sull’opera, ad esempio Monet con “Impressioni al sorgere del sole” o Van Gogh con “Campo di grano con corvi”, questo poeta ed in seguito molti altri esprimeranno il loro stato d’animo in rapporto, come avviene nella poesia “Canzone d’autunno”, al suono o al trascorrere del tempo lasciando trapelare anche un sentimento tipico di quest’epoca come la labilità dell’essere.

Impressionismo: caratteristiche e pittori

IMPRESSIONISMO CARATTERISTICHE

Importante è anche “Arte poetica” dove si è davanti al manifesto di un nuovo modo di fare poesia, ribellandosi al tradizionale creandone una nuova legata appunto alla musicalità, questo nuovo genere non deve essere educatrice né moralista o satirico ma deve avere il carattere lieve della sfumatura del colore che sarà la caratteristica prima dello stesso impressionismo, dove le pennellate si susseguono e affiancano in un preciso ordine lasciando supporre l’animo tormentato del pittore, l’artista infatti tende all’evasione, a scartare tutto ciò che è tradizionale e punta a rallegrare l’occhio e nel caso della musica e della letteratura l’orecchio.

Impressionismo: riassunto di arte

IMPRESSIONISMO PITTORI

I pittori impressionisti quindi sull’onda del simbolismo lanciato da Baudelaire si trovano in armonia con la natura e ne sfruttano la vivacità dei colori per i loro quadri, infatti essi dipingono all’aperto e riscoprono i colori e la luce, dando importanza ai vari momenti della giornata, cogliendo non una natura statica ma in continuo movimento, che prende vita con pennellate brevi e sfumate, senza tratti neri, solo con l’uso del chiaro-scuro, sicuramente grazie anche alla nascita della fotografia che permetterà di studiare la luce anche per le tele pittoriche. Ma come tutte le cose anche l’impressionismo è condannato al declino e così a questo si sostituirà il post-impressionismo che metterà in luce i temi della diversità e dell’emarginazione grazie alle opere di tre grandi pittori come Van Gogh, Gauguin e Toulouse Lautrec.
Van Gogh è il tramite tra l’impressionismo, che nel 1880 sarà un pò superato, ritraendo solo paesaggi, e l’espressionismo caratterizzato dal fatto che le sensazioni irrompono nel paesaggio dall’animo, connotandolo a sua immagine.

Sono però presenti simbolismi inquietanti, il disegno è assente, il ritmo delle pennellate è furioso e come in “Campo di grano con corvi” tutto sembra turbato dal vento, l’atmosfera è allucinante e trasmette inquietudine, qui infatti dopo poche settimane Van Gogh si uccise. Il secondo pittore in questione è Gauguin che rifiutò la società e ricercò la pace in Polinesia in luoghi incontaminati, ma il suo integramento non fu mai completo, provocandogli grossi traumi interiori. Comunque durante quegli anni riuscì a trasmettere un senso di pacatezza ai suoi stessi quadri che raffiguravano per lo più donne indigene.

Impressionismo di Monet

IMPRESSIONISMO FRANCESE

Anche Gauguin è un post-impressionista ma con lui il disegno ritorna netto e le sue figure sono piatte e bidimensionali, rimandandosi chiaramente alle stampe cinesi. Egli riassorbe la presenza della morte in un quadro pacato ma allo stesso tempo inquietante per quello che rappresenta e per la semplicità con cui lo fa, ponendo uno spirito dietro alla donna che dorme, da qui il nome del quadro “Lo spirito dei morti veglia”. Il terzo e ultimo pittore è forse quello che meglio di tutti rappresenta la diversità, Toulouse Lautrec era un nobile che dopo due cadute divenne deforme e sentendosi deriso rifiutò la società rifugiandosi in un mondo di emarginati, dipingendo ballerine del Moulin Rouge e facendo manifesti pubblicitari come quello a Jane Avril.