Leopardi- frammento XXXVIII

Appunto inviato da starshadow
/5

frammento XXXVIII di Giacomo Leopardi("Io qui vagando...") con brevi cenni sull'autore.(formato txt) (0 pagine formato txt)

GIACOMO LEOPARDI "Io qui vagando" Frammento XXXVIII Io qui vagando al limitare intorno, Invan la pioggia invoco e la tempesta, Acciò che la ritenga al mio soggiorno.
Pure il vento muggia nella foresta, E muggia tra le nubi il tuono errante, Pria che l'aurora in ciel fosse ridesta. O care nubi, o cielo, o terra, o piante, Parte la donna mia: pietà, se trova Pietà nel mondo un infelice amante. O turbine, or ti sveglia, or fate prova Di sommergermi, o nembi, insino a tanto Che il sole ad altre terre il dì rinnova. S'apre il ciel, cade il soffio, in ogni canto Posan l'erbe e le frondi, e m'abbarbaglia Le luci il crudo Sol pregne di pianto. Autore: G.Leopardi (Recanati, 1798 - Napoli, 1837) Note: Primogenito di una illustre casata di un piccolo centro marchigiano.
Nel 1816 il suo passaggio "dall'erudizione al bello", dallo studio alla produzione poetica.