Leopardi: pessimismo storico e cosmico

Appunto inviato da stranagirl
/5

breve biografia, poetica e pensiero del poeta. Descrizione del pessimismo storico e cosmico di Giacomo Leoaprdi (2 pagine formato doc)

LEOPARDI: PESSIMISMO STORICO E COSMICO

Giacomo Leopardi.

Nasce a Recanati, primo di 5 figli, nel 1798.
Il padre ne asseconda gli studi e fin dalla giovane età si appassiona alla letteratura e al latino. Questa sua dedizione è però quasi forzata per due principali motivi:
1.    Leopardi viveva nelle Marche, territorio allora sotto il dominio del Pontefice, il quale era ostile all’ondata di cambiamenti che stava pervado in quei secoli l’Europa.
2.    Figlio di un conte, non gli era permesso giocare o colloquiare con i giovani ed i bambini della sua età non appartenenti al suo ceto sociale: l’unica sua occupazione è quindi lo studio.
Sempre più assuefatto dalla letteratura, trascorre i cosiddetti “sette anni di studio matto e disperatissimo” che compromettono irreparabilmente la sua salute; che questa fosse la causa principale del suo pessimismo è un pregiudizio diffuso all’epoca: non bisogna confondere il vero modo di essere di Leopardi con quello che voleva dimostrare tramite i suoi scritti. Il pessimismo non è altro che un topos letterario, il quale è stato trasformato dai contemporanei nel vero modo d’essere del poeta.
Nasce proprio in questi anni il suo amore per la filologia.

Giacomo Leopardi, riassunto: pessimismo e opere


DAL PESSIMISMO STORICO AL PESSIMISMO COSMICO

Nel 1816 la nuova vocazione comincia a farsi sentire e sarà quel passaggio che egli stesso definirà “dall’erudizione al bello”. Accanto alle opere erudite dell’ultimo periodo, tra cui una trascrizione dell’Odissea e dell’Eneide, un trattato di astronomia e l’Inno a Nettuno, Leopardi comincia a manifestare nuovi interessi, soprattutto per la poesia: scrive “Canti Il primo amore”, ispirato dall’amore per la cugina. Dopo l’incontro con il Giordani il suo legame con la contemporaneità si fa più ricco e profondo, dimostrando finalmente un vasto interesse per la poesia. Il 1818 è l’anno fondamentale per la sua conversione poetica con il primo scritto che riguarda l’argomento poetico: “Discorso di un Italiano intorno alla poesia romantica”. L’anno successivo è colpito da una malattia agli occhi che, oltre che non potergli permettere di leggere, gli impedisce anche di pensare e medita diverse volte il suicidio. In questo clima di depressione matura un’ulteriore conversione, detta “filosofica”: questa consiste nel passaggio dalla poesia alla filosofia, dalla condizione antica di felicità, a quella moderna di noia e tristezza. Questa evoluzione nasconde in realtà una metafora: la condizione originaria della poesia si allontana ai suoi occhi e pare non riproponibile nell’età presente.

Pessimismo di Giacomo Leopardi, tesina


PASSAGGIO DAL PESSIMISMO STORICO AL PESSIMISMO COSMICO

Leopardi tenta quindi la fuga da Recanati, diventatagli insopportabile, ma viene scoperto.
Amareggiato con la società e con il mondo, l’autore scrive nel 1820 le “Operette morali” che in una lettera all’amico Giordani, definisce come operette satiriche che prendono di mira i pregiudizi sui quali si fonda il comune senso di vivere. I personaggi principali sono persone note realmente esistite, ma anche personificazioni di enti astratti.
Poetica e pensiero. Poesia immaginativa e poesia sentimentale - In questa prima fase poetica si delinea la nascita di una poesia nuova, per ora in opposizione alle ideologie romantiche e chiusa nei confronti della poesia straniera: secondo Leopardi è inutile prendere in considerazione la poesia d’oltralpe perché, al contrario della scienza, la poesia non può fare progressi.
La prima stagione poetica di Leopardi affonda le sue radici nella poesia antica che non potrà essere più eguagliata dall’uomo moderno; questo perché la poesia classica era fonte di armonia ed equilibrio, caratteristiche non più presenti nella società corrotta e decadente dell’epoca in cui vive. Solo la fanciullezza può riavvicinarci allo stato poetico antico. La poesia antica prenderà per Leopardi il nome di “immaginativa”, nata dal dolore e dall’ignoranza. Quella attuale, moderna, sarà x Leopardi “sentimentale”.

Giacomo Leopardi, riassunto: vita, opere e pensiero


FASI DEL PESSIMISMO DI LEOPARDI

Tematica fondamentale della poetica leopardiana è il concetto di Natura: è il modo di essere dell’uomo, il contesto esistenziale all’interno del quale vive.
Questo concetto è il protagonista di due fasi principale nella vita di Leopardi.
Pessimismo storico:   La Natura è qui vista come madre benigna, misericordiosa. Ha il compito di nascondere all’uomo le illusioni che gli vengono offerte dal mondo e l’unica certezza che questo può offrire: la morte. Nasconde la nullità dell’essere umano e la sua infelicità: la ricerca della felicità è proprio di tutti gli uomini, ma si è più felici attendendo che qualcosa accada rispetto a quando quel qualcosa è già accaduto.