Luigi Pulci e Boiardo: riassunto

Appunto inviato da kremogi
/5

Riassunto su Luigi Pulci e il suo poema cavalleresco "Il Morgante" e sull'Orlando innamorato e "Amorum libri tres" di Matteo Maria Boiardo (1 pagine formato doc)

LUIGI PULCI E BOIARDO

Appunti su Luigi Pulci (Firenze 1432/Padova 1484). Rappresenta la continuità con la tradizione volgare fiorentina (linguaggio “basso”, ispirazione alla poesia del Burchiello); personaggio burlesco, pronto a mettere in luce i lati grotteschi della realtà, ai confini della miscredenza, ambiguità ideologica & eresia.

Normale educazione letteraria, gusto per l’espressione vivace e aggressiva, linguaggio comico con forme gergali e rusticali, istinto giocoso x espressione tipica della cerchia medicea.

Luigi Pulci e Morgante: riassunto

LUIGI PULCI MORGANTE

Il Morgante. Massima prova del suo ingegno (nome di un gigante).

23+5 cantari; insofferenza x coloro che avevano sempre + potere a corte; dal ’73 al servizio di Sanseverino.
Uso di cantari precedenti + anonimo cantare del 1450. Schema: basato sulla ripetizione di formule fisse x chiamare in causa gli ascoltatori; mondo narrato=grande spettacolo; (anche x narrazione); percorso casuale, personaggi stereotipi, qualità + e – mescolate, rapporti strinti & sciolti etc.. x effetti strani e bizzarri, CAOS vorticoso. Gigante M.: personaggio caratteristico (pagano sconfitto & convertito) protagonista di avventure segnate da una furia distruttiva; umile realtà quotidiana retta su una sproporzione (cfr. dialogo~confessione con Margutte). Lingua in continua ebollizione, d’origine popolaretrasformazione in oggetto “colto”; poesia in cui tutto può essere visto al rovescio. Con la 2^ed., P. passa al contrattacco nei confronti dell’ambiente culturale a FI dopo 1473/4: narraz. + organica + riferimenti eruditi.

Poema cavalleresco: definizione e caratteristiche

MATTEO MARIA BOIARDO

Appunti su Matteo Maria Boiardo (1441/1494). Produzione in volgare: Amorum Libri/orlando innamorato; 80~83 gov. Modena, Timone opera teatrale, Amorum Libri III Raccolta di liriche. Orlando Innamorato di Boiardo grande poema narrativo in ottave, (armi amoriï‚®passione x poesia cavalleresca). Composizione a partire dal 1476, diffusione nel passaggio tra XV e XVI sec. È tra l’epica carolingia (x vicende dei paladini di Francia) e il romanzo arturiano bretone (tematica amorosa magica favolosa), intreccio MAI avvenuto prima; i personaggi vagano in un mondo dagli spazi amplissimi e indefiniti. Amore spirito vitale che muove l’universo & procura onore+gentilezza+cortesia=personaggi ideale della nobiltà contemporanea. Narrazione x dare diletto al pubblico d corte; stato di continua esaltazione, clima d entusiasmo (tra autore pubblico materia narr.).

Matteo Maria Boiardo: vita e opere

POEMA CAVALLERESCO

Vicende & Personaggi: storie d+ personaggi si intrecciano, gli epp. s’alternano, s’interrompono, vengono ripresix suspense; Angelica bellezza femminile & fascino inafferrabile, cercata & desiderata come una donna che ha una sua fisicità, come 1 bellezza corporea che s’esprime nei sensi e li inebria; il movimento dei personaggi porta in luoghi magici & incantati + forme in cui s’esprimono l’orrido & il mostruoso; scrittura immediata, narrazione spontanea, la parola si esalta nella sua scorrevolezza, energica & vitale. Molti inoltre i momenti di malinconia, gli interventi scherzosi e ironici, le novelle inserite all’interno del poema da personaggi, gli episodi d tipo comico. Lingua padana – regolarizzazioni toscane, prevalenti elementi lombardi, ricca varietà lessicale, vero e proprio romanzo padano1° capolavoro in volgare dell’Italia settentr.  Cortesia, cultura & spirito di rinascita umanistici, ma in realtà posizione fragile: vive quell’immaginario come espressione degli ideali di 1 nuova soc. d corte + si riallaccia alla trad. medievale (non mancano legami con certi atteggiamenti umanistici MA mancano l’elaborazione ideologica & formale tipici di essa).