Il borghese gentiluomo: recensione

Appunto inviato da illycoffee
/5

Il borghese gentiluomo: recensione e analisi dei personaggi dell'opera teatrale di Molière (1 pagine formato doc)

IL BORGHESE GENTILUOMO RECENSIONE

Moliere "Il borghese gentiluomo".

Moliere scrive quest'opera teatrale in chiave satirica, da bravo osservatore della società che lo circondava.
Il Signor Jourdain, bravo borghese che potrebbe godersi in pace le sue ricchezze onestamente acquistate in tanti anni di paziente, tenace lavoro, s'è messo in testa la fantasia della nobiltà: già avanti con gli anni, vuole imparare il ballo, la musica, la scherma, prende un maestro di filosofia, non già per acquistar nuove cognizioni, per desiderio di istruirsi, ma soltanto perché ciò si pratica nella buona società.
Tutta la sua vita è ormai polarizzata verso questo solo scopo: frequentare la gente del gran mondo, prendere i modi e le abitudini dei nobili.

Perciò si veste nel modo più goffo, perché i suoi vestiti non si adattano alla sua età e alla sua figura; si fa allegramente sfruttare da una specie di parassita squattrinato, perché costui è nobile; fa la corte a una marchesa, non perché questa gli piaccia più di un'altra, ma perché la propettiva di diventar l'amante di una signora dell'aristocrazia gli pare un sogno, e gli sembra, realizzandolo, di innalzarsi ai propri stessi occhi.

Racine, Corneille e Molière a confronto

IL BORGHESE GENTILUOMO RIASSUNTO

E così Jourdain rinnega tutto quanto formava la tranquillità, la pace della sua vita passata: rinnega sua moglie che, col suo robusto buon senso di piccola borghese, gli fa apparire tutta la sciocchezza delle sue nuove abitudini: non vuol dare sua figlia in sposa a un giovane che l'ama, e che essa contraccambia, perché non è nobile.
Nella sua ingenuità, Jourdain ammira tutto e tutti, come un fanciullo, purché abbia l'etichetta della nobiltà; nella sua credulità senza limiti, accetta, quasi senza critica, tutto quello che gli viene detto.
Incapace di prestare attenzione, non prende vero interesse a nulla: e conserva tutti i difetti del piccolo borghese, perdendone un po' alla volta le qualità, senza acquistar poi quelle della gente del gran mondo, senza riuscire ad essere nè più elegante, nè più istruito, nè più educato.
Cieco nella sua debolezza per la nobiltà, non sospetta d'esser beffato fino a quando gli viene annunciato che il figlio del Gran Turco è innamorato di sua figlia e la vuole in moglie, e che la cerimonia nella quale dovrà assumere un alto grado di nobiltà... turca, altro non è se non una burla organizzata a suo danno.

Il malato immaginario di Molière: riassunto e analisi dei personaggi

IL BORGHESE GENTILUOMO ANALISI PERSONAGGI

La piacevolezza del contrasto è data dalle idee semplici di un tranquillo borghese in contrasto con quelle della nuova società alla quale questi aspira di salire: contrasto fra l'ignoranza del suo spirito e delle sue espressioni, e le sue goffe pretese di distinzione e di galanteria.
Di questo contrasto Molière ha fatto un capolavoro di comicità.
Jourdain è infatti ridicolo ma non spregevole: e, nonostante le sue debolezze e le sue manie, ci è quasi simpatico, è un borghese vanitoso e sciocco, ma onesto e buono.