Natura dualistica dell’amore

Appunto inviato da
/5

Schema di confronto sul tema della natura dualistica dell’amore in Catullo e Lucrezio (file.doc, 1 pag) (0 pagine formato doc)

NATURA DUALISTICA DELL'AMORE IN CATULLO E LUCREZIO Natura dualistica dell'amore in Catullo e Lucrezio CATULLO LUCREZIO PASSIONE-APPARENZA RAGIONE-REALTÀ PASSIONE-APPARENZA RAGIONE-REALTÀ ? L'amore illude Catullo: Vivamus et amemus, Nox est perpetua una dormienda (CARME 5) ; Id , che racchiude tutte le illusioni (CARME 85); Passero ancora in vita= illusione di un amore infinito (CARME 2) ?L'amore offusca la razionalità: Odi et amo (CARME 85); Io razionale vs io irrazionale (CARME 8) ? L'amore è un patto: Hoc sanctae foedus amicitiae (CARME 109) ? Tale patto però non è necessariamente eterno: sed mulier cupido quod dicit amanti, in vento et rapida scribere oportet aqua (CARME 70); contrasto tra perfetti e presenti (CARME 8); Difficile est longum deponere amorem (CARME 76); Lesbia mi dicit semper male, la constatazione della realtà (CARME 92) ? L'amore è ricerca del vano: Venus simulacris ludit amantis (4, 1101); Nequiquam (4, 1110) ; Et bene parta patrum fiunt anademata, mitrae (4, 1129) ? L'amore porta dunque dolore e turbamento: Adde quod absumunt viris pereunte labore (4, 1121) ; Gravis religio, inteso come amore per gli dei (1, 63) ? Venere (quindi l'amore) è la forza generatrice della natura: Aeneadum genetrix (1, 1) Efficis ut cupide generatim saecla propagent (1, 20) Quae quoniam rerum natura sola gubernas (1, 21) ? Venere ispira il poeta: te sociam studea scribendis versibus esse (1, 24) ? L'amore spinge Lucrezio ad imitare Epicuro (lo porta alla filosofia): Non ita certandi cupidus quam propter amorem quod te imitari aveo (3, 4-5) FELICITÀ INFELICITÀ-DOLORE Excrucies - (CARME 76) INFELICITÀ-DOLORE (turbamento) FELICITÀ-FILOSOFIA (aponia e atarassia) .