Orazio

Appunto inviato da cados
/5

Appunti su Orazio: vita, opere, satire, poetica. ( 11 Pag - Formato Word ) (0 pagine formato doc)

Orazio Presentazione - Orazio, insieme a Virgilio, è uno dei maggiori scrittori del periodo di Augusto.
Alcuni aspetti della sua vita e delle sue opere assomigliano a quelli della vita di Virgilio, ad esempio, la confisca delle proprietà da parte dello stato per la distribuzione ai veterani. Questo fatto ha influito sul trasferimento di Virgilio e di Orazio a Roma e sulla loro conoscenza di Mecenate e di Augusto. Un elemento che li accomuna è che entrambi partono, come esperienza poetica, dalla poesia neoterica e alessandrina ma le superano per recuperare alcuni modelli della letteratura classica greca: Virgilio con le Georgiche si rifà a Esiodo, mentre con l'Eneide si rifà ai poemi omerici Orazio con gli Epodi si rifà al genere diatribico (poesia polemica), mentre con le Odi si rifà ai poeti antichi come Saffo e Alceo Mentre Virgilio utilizza l'esametro, Orazio utilizza anche altri metri della poesia greca. Per quanto riguarda le satire, pur non esistendo nella poesia greca, poiché sono un genere prevalentemente latino, (Ennio - satire andate perdute - e Lucilio - 30 libri di satire -), Orazio cerca di dargli una provenienza dalla letteratura greca.
Nella quarta satira Orazio paragona questo genere alla commedia antica, che aveva un certo carattere comico satirico, perché vuole emulare la letteratura greca antica. Già questo tentativo di stabilire per le sue opere questi modelli greci, ci dice che alla base delle sue opere ci sono delle determinate caratteristiche. Pur partendo dagli elementi stilistici e formali della poesia neoterica la supera ed elabora un tipo di poesia quasi esclusivamente classica. A differenza di Virgilio, Orazio diventa un pilastro nella letteratura per quanto riguarda l'elaborazione poetica perché scrive un'epistola chiamata “ars poetica” in cui detta norme per l'elaborazione poetica. Orazio aveva elementi comuni con Virgilio e tutti e due ricevevano benefici da Mecenate e Augusto ma Orazio ha sempre cercato di rendersi indipendente. Dichiarava che avrebbe restituito tutto quello che aveva ricevuto se non avrebbe potuto mantenere la sua libertà. Nonostante gli ideali del programma augusteo non siano alla base di tutta l'opera di Orazio, ci sono alcuni aspetti di questa che lo appoggiano (come in Virgilio). Fra queste opere troviamo il Carmen Seculare, composto per le giornate di spettacolo dei ludi del 17 a. C. E' per questo componimento che dopo la morte di Virgilio Orazio è stato considerato il poeta del regime. Troviamo poi altri componimenti di adesione al programma di Augusto. Nel terzo libro delle Odi sono inserite sei odi dette Romane, che sono dei componimenti in cui Orazio dà il suo contributo al programma ufficiale e che comprendeva la restaurazione dei caratteri religiosi, del Mos Maiorum, del lavoro agricolo e in generale della vita sociale in crisi dall'età di Cesare. La vita - Orazio nasce a Venosa nel 65 a.C.; suo padre era un liberto che aveva delle proprietà terriere. Inizialmente Orazio tr