Odissea Libro 7: parafrasi

Appunto inviato da nytro86
/5

Parafrasi de "Il palazzo e il giardino di Alcinoo" del libro 7 dell'Odissea di Omero (1 pagine formato doc)

ODISSEA LIBRO 7: PARAFRASI

Parafrasi Odissea Libro 7, Omero.

"Il palazzo e il giardino di Alcinoo". Ulisse andava verso lo splendente palazzo di Alcinoo; e intanto si fermava; era preoccupato mentre stava sulla soglia bronzea. Il palazzo di Alcinoo emanava una grande luce come se fosse un sole o una luna.
Dalla soglia, lungo tutte le pareti, il muro era foderato di bronzo con, in alto, fregi smaltati di colore celeste. Le porte erano d'oro e la soglia aveva stipiti di argento, l'architrave era d'argento e le maniglie d'oro. Ai lati della porta stavano due cani d'oro e d'argento costruiti da Efesto, che facevano la guardia alla casa di Alcinoo, immortali e senza vecchiaia. Dentro il palazzo c'erano molti troni appoggiati alle pareti con sopra tappeti finissimi, fattura di donne. Su quei troni i capi Feaci sedevano per mangiare e bere. Sui plinti stavano figure auree di giovani che sorreggevano torce accese che facevano luce ai convitti notturni.

Odissea Libro 9: riassunto de Il ciclope Polifemo

IL PALAZZO E IL GIARDINO DI ALCINOO: PARAFRASI

In casa cinquanta ancelle svolgevano i lavori: una parte molava il frumento e un'altra tesseva o filava la lana: le mani di quest'ultime movendosi sembravano foglie di pioppo, mentre spruzzavano d'olio i tessuti. E come i Feaci erano i più bravi alla guida di navi, le donne erano le più brave al telaio: a tutte Atena dette l'abilità di produrre opere mirabili. Vicino alle porte, fuori dal cortile, c'era un giardino grande quattro iugeri circondato da siepi. Alberi alti la crescevano e c'erano peri, granati, fichi e meli e olivi pieni di olive. Dagli alberi non cadeva nessun frutto, né appassiva né s'infiacchiva; lo Zefiro fa crescere i frutti e li fa maturare. Il frutto matura sull'altro, la pera su pera, il grappolo su grappolo, il fico su fico. Là c'era anche una vigna piena di grappoli; alcuni si seccano al sole, altri vengono vendemmiati o pigiati; alcune uve acerbe fioriscono, altre scuriscono. Verso la fine del giardino crescevano ogni sorta d'ortaggi di colore verde lucente. Da due fonti scaturisce l'acqua, da una si propaga in giardino, dall'altra vi attingono le genti del popolo. Così era il palazzo di Alcinoo.

Approfondisci: Omero: biografia e opere