"I promessi sposi" cap 12

Appunto inviato da guismashing
/5

Analisi dettagliata con aggettivi, fig. retoriche, abstract, lessico, personaggi del capitolo 12°. (file txt) (0 pagine formato txt)

SCHEDA DEL LIBRO I PROMESSI SPOSI, CAPITOLO XII Aggettivi - moltitudine male e ben vestita.
(pag.210). - tepida fragranza (pag.212). - parole salvatiche (pag.213). - ronzìo confuso (pag.219). Figure retoriche - Similitudine " Fece come una donna stata giovine, che pensasse di ringiovinire, alterando la sua fede di battesimo." Pag.210. - Similitudine " gli uomini si riunivano in crocchi, senza essersi dati l'intesa, quasi senza avvedersene, come gocciole sparse sullo stesso pendìo." Pag.212. - Similitudine " altri, uscendo per gli abbaini, andavano su pe tetti, come i gatti. Pag.215.
Abstract Il capitolo narra l'assalto di alcuni cittadini di Milano a un forno, a causa della mancanza di pane che vi era allora. Renzo, assiste ad alcune vicende che si svolgono nella folla. Lessico - pag.209 - provvisione - atto, effetto del provvedere qualcuno di qualcosa nel diritto canonico: provvisione ecclesiastica, conferimento di una carica ecclesiastica l provvista l ant. assegno, stipendio corrisposto a impiegati. - pag.210 - incetta - raccolta, accaparramento di più cose o di qualche cosa in grande quantità (il termine si usa spec. quando si vuol fare intendere che tale accaparramento è fatto a scopo di lucro). - pag.210 - l'abbominio - abominio. - pag.210 - derrata - prodotto del suolo che si vende e si compra al mercato alimentare est. merce in genere, specialmente di uso alimentare. - pag.211 - l'iniquità - qualità di ciò che non è equo l per est. cattiveria, malvagità fig. inclemenza l concr. azione, discorso iniquo, dinanzi al quale ci si sdegna. - pag.211 - preambolo - ciò che si dice o si scrive per introdurre l'argomento o il vero nucleo di un discorso, di un'opera e sim. fam. divagazione spesso inutile, oziosa, fatta per avviare il discorso. - pag.213 - eteroclito - di quei nomi, aggettivi o verbi che si declinano o si coniugano con più temi o che hanno desinenze diverse da quelle comuni e che sono quindi irregolari (andare p.e. è un verbo eteroclito; infatti il tema muta: io vado, tu vai,. noi andiamo, voi andate, essi vanno ) l lett. fig. strano, fuori del normale.. - pag.218 - marmaglia - quantità di gente spregevole, affollata e confusa; accozzaglia l con sign. meno spreg., gruppo, turba. - pag.218 - fustagno - tessuto grossolano di cotone, molto resistente e compatto, adatto per confezionare vestiti che si indossano quando si compiono particolarmente lavori di fatica.