"I promessi sposi" cap 13

Appunto inviato da guismashing
/5

Analisi dettagliata con aggettivi, fig. retoriche, abstract, lessico, personaggi del capitolo 13°. (file txt) (0 pagine formato txt)

SCHEDA DEL LIBRO I PROMESSI SPOSI, CAPITOLO XIII Aggettivi - Due occhi affossati e infocati.
(pag.223). - Una canizie vituperosa (pag.223). - E gomitate da alpigiano. (pag.226). - E franco, diritto, togato (pag.229). Figure retoriche - Similitudine " come quando si vede venire avanti un tempo nero, e s'aspetta la grandine, da un momento all'altro " Pag.221. - Similitudine " uno, con la testa tra due scalini, e gli staggi sulle spalle, oppresso come sotto un giogo scosso, mugghiava. " Pag.223. - Similitudine " Ogni tanto però, qualche parola, anche qualche frase, ripetuta da un crocchio nel suo passaggio, gli si faceva sentire, come lo scoppio d'un razzo più forte si fa sentire nell'immenso scoppiettìo d'un fuoco artifiziale. Pag.228.
- Similitudine " la toga sarebbe in fatti rimasta presa tra i battenti, se Ferrer non n'avesse ritirato con molta disinvoltura lo strascico, che disparve come la coda d'una serpe, che si rimbuca inseguita. " Pag.223. - Similitudine " Ferrer esce il primo, l'altro dietro, rannicchiato, attaccato, incollato alla toga salvatrice, come un bambino alla sottana della mamma. " Pag.230. Abstract Anche questo capitolo narra l'assalto dei cittadini alla casa di un vicario, fra questi vi è anche Renzo, il quale cerca di contribuire alla lotta. Arriva poi Ferrer, un eroe in città perché aveva proposto di abbassare il prezzo del pane, egli porta via il vicario impaurito dalla sua abitazione. Lessico - pag.224 - illanguidire - intr. (aus. essere), us. anche con la part. pron., diventare debole u tr., rendere languido, debole, fiacco. - pag.225 - procellosa - che annunzia tempesta; che è in tempesta l fig. caratterizzato da tumulti, da agitazioni, da sconvolgimenti; calamitoso l fig. violento, che mette l'animo in un forte stato di agitazione, di turbamento. - pag.229 - predellino - gradino sul quale si poggia il piede per salire su una carrozza o su altro veicolo.