Capitolo 8 Promessi sposi: analisi e figure retoriche

Appunto inviato da guismashing
/5

Analisi, riassunto e figure retoriche del capitolo 8 dei Promessi sposi di Alessandro Manzoni (1 pagine formato txt)

CAPITOLO 8 PROMESSI SPOSI: ANALISI

I promessi sposi di Alessandro Manzoni.

Capitolo VIII

Aggettivi:
- Lo spinsero adagino adagino. (pag.130).
- Sulle spalle un sanrocchino di tela incerata. (pag.134).
- E lo tira in ischiera. (pag.136).

Capitolo 8 Promessi sposi "Addio ai monti": commento e analisi

FIGURE RETORICHE CAPITOLO 8 PROMESSI SPOSI

Figure retoriche:
- Similitudine " come al dividersi d'una scena, apparvero Renzo e Lucia." Pag.132.
- Metafora "e poteva parere una statua abbozzata in creta, sulla quale l'artefice ha gettato un umido panno." Pag.132.
- Similitudine "i poltroni, come se si arrendessero alle preghiere, ritornan sotto". Pag.133.
- Similitudine "Ci volle tutta la superiorità del Griso a tenerli insieme, tanto che fosse ritirata e non fuga.

Come il cane che scorta una mandra di porci, corre or qua or là a quei che si sbandano". Pag.135.
- Similitudine "e sarebbe una vergogna per il paese, se ogni birbone potesse a man salva venire a portar via le donne, come il nibbio i pulcini da un'aia deserta." Pag.139.
- Similitudine "ville sparse e biancheggianti sul pendìo, come branchi di pecore pascenti". Pag.144.

Riassunto capitolo 8 Promessi sposi breve

RIASSUNTO CAPITOLO 8 PROMESSI SPOSI BREVE

Abstract. Renzo, Lucia e i loro complici vanno a casa di Don Abbondio, e attuano il piano precedentemente studiato. Tutto funziona fino a quando Lucia tenta di pronunciare le parole necessarie per sposarsi, ma don Abbondio riesce con la forza a bloccarla. Egli poco dopo chiede aiuto e vengono suonate le campane della chiesa alle quali tutto il paese accorre. Nel frattempo Renzo, Lucia e Agnese scappano ed arrivano dal convento di fra Cristoforo che li fa partire per un paese vicino.
Lessico:
- pag.129 - imbasciata - ambasciata.
- pag.129 - panegirico - presso gli antichi Greci, discorso a carattere suasorio o encomiastico pronunziato davanti al popolo in occasione di una festa; presso gli antichi Romani, elogio, discorso celebrativo di un personaggio illustre; in epoca moderna, discorso in onore di un santo l fam. discorso lungo e noioso.
- pag.130 - andito - piccolo corridoio che mette in comunicazione le diverse stanze di un appartamento l bugigattolo.
- pag.133 - abituro - abitazione piccola e povera, casupola di campagna.
- pag.133 - fenile - radicale monovalente del benzolo e dei suoi derivati.
- pag.134 - sanrocchino - piccolo mantello impermeabile che indossavano una volta i pellegrini.
- pag.141 - masnadiero - chi apparteneva ad una masnada l assassino di strada l est. persona disonesta, di pochi scrupoli, da non fidarsi.