Rosso Malpelo

Appunto inviato da shogo
/5

Esercizi sulla novella "Rosso Malpelo" di Giovanni Verga. (1 pagine, formato word) (0 pagine formato doc)

Rosso Malpelo Rosso Malpelo (es.9) Quale rapporto lega Rosso al Padre? E alla madre? Perchè alla fine dela vicenda si avvia alla morte con gli arnesi del padre? Fin dall'inizio del racconto, quando Rosso parla del padre, si devince come il suo attaccamento per il genitore sia veramente forte.
Per egli rappresenta un esempio, infatti Rosso viene allevato dal padre fin da piccolo a lavorare in miniera, e gli insegna le dure leggi della miniera e della vita. Per il ragazzo il padre è una parte integrante di sè stesso, infatti, quando decide di avviarsi verso una probabile morte con gli arnesi e gli indumenti del padre, come se lo volesse accanto a se nella sua ultima avventure; vuole con sè lo spirito del padre per la sua ultima avventura, e per dimostrargli di essere cresciuto come egli voleva. I rapporti con la madre non vengono quasi accennati, anche perchè la stragrande percentuale del suo tempo, la passa al lavoro col padre.
Infatti il vero rapporto, come già detto, è quello col padre, il quale gli fa apprendere delle leggi completamente diverse da quelle che la madre vuole dargli. La mamma non accetta, infatti, che il figlio venga sù così “cattivo” ; d'altra parte Rosso accetta e apprende gli insegnamenti del padre, col quale passa quasi la totalità della giornata. Rosso diviene personaggio leggendario dopo la morte. Perchè lo era già prima in qualche modo? Dopo la morte del padre ( ma in minor parte anche prima) si capisce che Rosso è il simbolo della miniera, colui che fa i lavori che nessuno avrebbe mai avuto il coraggio di fare. Egli è il simbolo della miniera : lavora a testa bassa, anche se tutti lo deridono e lo maltrattano. Capisce che in un modo o nell'altro deve guadagnarsi quelle poche lire che gli servono per cibarsi. Intende che la sua vita è quasi inutile : poco senso ha lavorare per mangiare. Dopo la morte, diviene un eroe. Egli non ha più legami con l'esterno e decide di avviearsi verso un'impresa impossibile per lasciare una traccia di se in quel luogo. Rosso sceglie di morire nelle viscere della terra. Perchè? Quali elementi preannunciano questa scelta ne corpo del racconto? Mentre il padre è ancora in vita Rosso vive praticamente solo per stare accanto al padre, visto come un idolo. Dopo la sua morte diviene cattivo e vendicativo, quasi a non accettare più nulla da nessuno. Ormai no ha più legami quasi con nessuno e inizia a pensare intrinsecamente che la sua vita no ha più un senso. Solo quando entra in miniera Ranocchio, Rosso si risolleva e cerca (seppur con maniere dure e drastiche) di far apprendere al ragazzo le leggi della miniera, come suo padre fece con lui. Dopo la morte del giovane Rosso non ha più nulla e decide di morire alla stregua del padre: in miniera, abbandonato da tutti, nelle viscere della terra, come un essere insignificante. Rosso ha tratti che rimandano all'eroe romantico “maledetto” : quali?. Per tutto il racconto la sua figura è riproposta in modo truce, cattivo, come se fos