Sallustio cap VI

Appunto inviato da falpa
/5

De catilinae Coniuratione, traduzione, paradigmi, notazioni grammaticali. (2 pagine, formato word) (0 pagine formato doc)

CAP VI Cap VI La città di roma, secondo la tradizione, ebbe per fondatori e primi abitanti i troiani, che vagavano in certe sedi, profughi sotto la guida di enea, insieme con gli aborigeni, popolo agreste, senza leggi né magistrati, libero e indipendente.
Questi, dopo che si raccolsero tra le stesse mura, pu essendo diversi di razza, di lingua, di costumi, appare incredibile ricordare con quanta rapidità si siano uniti: così in breve tempo una moltitudine dispersa e mobile era divenuta un popolo grazie alla concordia. ma dopo che il loro stato si accrebbe di cittadini , di costumi, di terre, e apparve prospero e vigoroso, allora, come per lo più accade nelle cose umane, dalla ricchezza sorse l'invidia. Allore re e popoli vicini sperimentarono la guerra:pochi degli amici portarono aiuto; gli altri atterriti si tenevano lontano dai pericoli.
Ma i romani, sempre attivi in pace e in guerra, sempre in moto, sempre pronti, si esortarono a vicenda, affrontarono il nemico, con le armi difesero la libertà, la patria, la famigia. Poi, respinto con il valore il pericolo, portavano aiuto ad alleati e ad amici, e con l'accordare, più che con il ricevere benefici, si guadagnavano le amicizie. Avevano un governo legittimo, il capo aveva il titolo di re. a vantaggio dello stato consultavano uomini scelti, di cui il vigore fisico era indebolito dagli anni, ma l'ingegno valido per la saggezza: questi per età e somiglianza d'ufficio, erano chiamati"padri". Poi, quando il potere regio, sorto in principio per conservare la libertà e ingrandire lo stato, degenerò in una superba tirannide , mutarono sistema di governo, si diedero due capi che avessero potere annuale: in tal modo pernsavano che l'animo umano non potesse più senza freni diventaRE arrogante. urbem romam=compl ogg sicuti-accepi=perfetti sincopati condidere=condiderunt habuere=habuerunt(significato di abitare) aenea duce= abl ass convenere=perfetto sincopato(convenerunt) dispari, dissimili, viventes= sfumatura concesiva incredibile=prep princ memoratu=supino pass quam..coaluerint=interr ind brevi=avv di tempo facta erat=+perf di fio videbatur= costruzione pers temptare=infinito narrativo Domi militiaeque=in pace e in guerra ubi..propulerant=prop temporale con +perf festinare, parare, hortare, obviam ire=infiniti narrativi conservandae, augendae=gen del gerundivo valore finale immutato more=abl ass valore temp binosque=distributivo per licentiam=compl modo e\o mezzo accepi=accipio, is, cepi, ceptum, ere condidere=condo, is, didi, ditum, ere 3 trans habuere=(habuerunt) habeo, es habui, habitum, ere profugi=profugio, is, fugi, fugitum, ere 3 vagabantur= vagoraris, attis sum, ari 1 dep convenere=(convenerunt) convenio, is, veni, ventum, ire 1 coaluerint=coalesco, is, alui, alitum, ere 3 facta erat= fio, fis, factus sum, fieri +perf videbantur=videor, eris, visus sum, eri 2 orta est= orior, oreris, ortus sum, oritutus, oriri 3-4 dep temptare= tempto, as, avi, atum, are 1 aberant=absum, afui, afuturus,abesse int