Ugo Foscolo "L'ultime lettere di Jacopo Ortis"

Appunto inviato da laurapesci
/5

schema riassuntivo di alcune lettere de "L'ultime lettere di Jacopo Ortis" (file word, pag. 2) (0 pagine formato doc)

“Ultime lettere di Jacopo Ortis” “Ultime lettere di Jacopo Ortis” Data Tema 1)11 Ottobre 1797 “Il sacrificio della patria nostra è consumato”: politica, patriottismo, amore per la vita e per i propri cari, ma anche solitudine, miseria della vita, morte, desiderio della sepoltura in patria.
2)26 Ottobre 1797 “Teresa”: bellezza, valore della famiglia e degli affetti, campagna gioiosa, ma anche percezione della miseria umana e compiacimento per una vita burrascosa. 9)4 dicembre 1797 “Il colloquio con Parini: la delusione storica”: amicizia, bellezza, valore della famiglia, patria ma anche gusto per il dolore, ammirazione per il ribelle e disgusto per l'indolente, miseria della vita umana, desiderio di morte. 4)17 Marzo 1798 “Il problema di una classe dirigente in Italia”: patriottismo, libertà, rifiuto della mentalità capitalistica e recupero del contatto uomo-natura (per avvicinarlo al culto della propria terra?desiderio di una patria) ma constatazione dell'utopia, desiderio di morte.
Attacco a Napoleone. Attacco alla nobiltà indolente e alla Chiesa corrotta. 4)17 Marzo 1798 “Napoleone e i patrioti”: fratellanza, desiderio di patria, libertà, vita passionale e sentimento amoroso ma anche odio per il tradimento(piuttosto la morte), attacco all Francia e a Napoleone coraggioso ma traditore, odio per il tiranno e pianto per la libertà perduta. 5)13 Maggio 1798 “La natura”: bello e amore che per un po' mitigano i dolori, concezione del sublime, natura solitaria, natura lavorata dell'uomo, impossibilità di esprimere il sublime?sublime eleva lo spirito, tendenza all'infinito?presenza della morte, caducità della vita, visione materialistica del mondo(cimitero di campagna e tombe), permanenza delle passioni in vita, pessimismo vitale. Richiamo ai classici che cantano le passioni(Omero, Dante, Shakespeare), natura specchio dell'uomo romantico.(giorno del bacio con Teresa). 6)15 Maggio 1798 “Illusione e mondo classico” :funzione sublimante della donna angelo, natura ridente e partecipe della gioia del poeta, poesia sacra e mezzo per raggiungere l'eterno nonostante la caducità umana, impossibilità di esprimere la bellezza, pietà e compassione come vere virtù, amore(bellezza) è momentanea cura per il dolore, natura idilliaca e gioiosa. Consapevolezza dell'illusione ma anche consapevolezza che solo in lei si può vivere, mondo classico aveva trovato il vero e il bello nella perfezione artistica. Se l'amore cesserà nel cuore, l'unica via di scampo sarà strappare via il cuore(morire). 7)25 Maggio 1798 “La natura”: ci sono pochi elementi positivi: la natura idilliaca che protegge gli uomini e il desiderio di una vita serena. Ma : paesaggio burrascoso che rispecchia e quieta per un po' l'anima, concezione del sublime e della miseria umana, solitudine, malinconia e desiderio d'infinito, vita di illusioni e desiderio di purezza puerile, fugacità del