La figura di Virgilio in Dante

Appunto inviato da emanuelaas
/5

La figura di Virgilio nelle opere di Dante, in special modo nella Divina Commedia (4 pagine formato doc)

LA FIGURA DI VIRGILIO IN DANTE

Virgilio, il “principe dei poeti latini” vissuto nel I sec.

a.C., costituì per Dante il più grande esempio nel regno dell’arte e del sapere. Per comporre la sua “Comedia” Dante si ispirò certamente all’Eneide virgiliana, avendola studiata a lungo e con grande amore. Essa, infatti, gli fornì molti elementi di ispirazione,non solo per quanto riguarda la struttura esteriore, la figurazione di luoghi e di esseri mitologici,ma anche per l’idea di rappresentare la vita nel regno dei morti, strumento che viene usato da Virgilio per l’esaltazione di Roma e del suo impero, mentre da Dante per esprimere in forma d’arte tutto il suo mondo politico, morale e religioso. Virgilio è stato considerato da quasi tutti gli antichi critici e commentatori come l’allegoria della ragione umana e naturale che porta al giusto ordine terreno cioè, secondo le idee di Dante, alla monarchia universale.
Gli interpreti moderni, invece,si sono opposti a questa interpretazione, come ci dice il critico E. Auerbach, e hanno messo in risalto l’aspetto politico, umano, personale della figura di Virgilio, senza tuttavia riuscire a negare il suo significato. Ultimamente,invece, si è cercato di dare una maggiore importanza all’aspetto allegorico, mettendo in disparte il senso storico,ma effettivamente non è possibile eliminare nè l’uno nè l’altro.

LA FIGURA DI VIRGILIO NELL'INFERNO

Agli occhi di Dante il Virgilio storico è contemporaneamente poeta e guida per vari motivi: perchè nella sua opera, durante il viaggio di Enea negli Inferi,sono descritti l’ordinamento politico che Dante considerava esemplare e la pace universale sotto l’impero Romano; perchè Virgilio aveva anche annunciato, nella quarta Egloga delle Bucoliche, la nascita di un bambino prodigioso che molti dopo indicarono come il Cristo, sia pure senza neanche sospettare il significato delle proprie parole, perchè infine, Virgilio aveva descritto il regno dei morti, quindi ne conosceva anche la strada. Ma la ragione più importante è il fatto che tutti i grandi poeti posteriori a lui furono ispirati dalla sua opera.

Canto IV Inferno: riassunto

COME SI PRESENTA VIRGILIO A DANTE

Il Virgilio storico è rappresentato dall’abitante del Limbo che per desiderio di Beatrice si assume il compito di guidare Dante.Come egli un tempo, da romano e da poeta, aveva fatto discendere Enea per consiglio divino nell’oltretomba, affinchè egli conoscesse il destino del mondo romano, così ora è chiamato dalle potenze celesti ad una funzione di guida non meno fondamentale, perchè non ci sono dubbi che Dante giudicasse la sua missione tanto importante quanto quella di Enea: egli si sentiva chiamato per annunciare al mondo l’ordinamento giusto, che gli viene rivelato durante il suo cammino, e, da parte sua, Virgilio dovrà mostrargli e spiegargli il vero ordinamento terreno, le cui leggi saranno eseguite nell’aldilà, ma non fino alle “soglie della salvezza”, cioè fino al paradiso, non potendo egli godere della visione di Dio in quanto è morto senza conoscerlo, quindi da “infedele”.