Appunti di Paleografia:breve storia della scrittura latina

Appunto inviato da dolphin Voto 8

Sintesi del libro"Breve storia della scrittura latina"di Armando Petrucci.(formato word 41 pg) (0 pagine formato doc)

Cap Cap.I: CHE COSÈ LA PALEOGRAFIA. La Paleografia è la disciplina che studia criticamente l'evoluzione delle scritture antiche in tutte le loro manifestazioni (comprese quelle tradizionalmente attribuibili all'epigrafia e alla papirologia) al fine di interpretare e localizzare i testi presi in esame e anche di ricavare dall'evoluzione dei segni alfabetici e dai fenomeni grafici, elementi per la storia della cultura. Alla base dello studio paleografico vi è dunque la scrittura. Ma cos'è la scrittura? Essa non è altro che un mezzo di comunicazione di cui si serve l'uomo per fissare in forma visiva, cioè mediante simboli e segni, il linguaggio e quindi il proprio pensiero. Esistono tante paleografie quante sono le scritture: vi è quella cinese, araba, russa, greca e latina. Noi ci occuperemo della paleografia latina che studia la storia delle origini, cioè dal VII sec. a.C., fino all'inizio del XVI sec., quindi abbraccia tutto quel periodo che precede la diffusione della stampa a caratteri mobili, avvenuta alla fine del `400. In questo lungo arco di secoli, durante il quale fu usata la scrittura latina, vi fu una notevole produzione di scritti, per lo più di carattere documentario, privato o pubblico, letterario sulle varie materie scrittorie (iscrizioni su pietra, su marmo, papiro, pergamena, carta). Lo studio del paleografo si basa principalmente su delle domande: Che cosa. La sua risposta consiste nella lettura del testo, lettura critica e per ottenere buoni risultati deve comportare la conoscenza di alcune tecniche come ad esempio i sistemi abbreviativi antichi e medievali, formulari notarili. quando questa testimonianza è stata scritta (la data) e dove (il luogo in cui è stata scritta). Il paleografo si pone queste due domande quando si trova davanti un codice, cioè ad una testimonianza scritta di genere librario che (al contrario di documenti o iscrizioni) non riporta la data in cui è stato vergato. Grazie alle risposte di queste domande è possibile ricostruire lo stemma codicum. come, che consiste nello studio della tecnica di esecuzione dei vari tipi di scrittura utilizzati chi, cioè chi ha scritto quella testimonianza giuntaci, chi sapeva scrivere. perché, cioè capire qual è il motivo per cui una testimonianza è stata scritta. L'introduzione della stampa (fine `400) segna la fine del campo d'indagine della paleografia. Ci sono diverse scritture: SCRITTURE LIBRARIA DOCUMENTARIA impiegata nei codici per la è impiegata e letta da specialisti, diffusione del sapere richiedendo non necessita dunque di una forma quindi una scrittura canonizzata. canonizzata e il risultato è una scrittura di lettura più difficile. Cap. II: CRITERI, TERMINOLOGIA, DELL'ANALISI PALEOGRAFICA. Lo studio delle caratteristiche di una determinata scrittura e dei mutamenti che in essa intervengono si basa su taluni elementi: 1. ELEMENTI DI ANALISI BASATI SULLA STRUTTURA DEI SEGNI. FORMA (o disegno):è data dall'aspetto esteriore delle singole lettere e dei singoli segni,