Il Terzo Gemello

Appunto inviato da gigi84
/5

Recensione del libro di K.Follet "Il terzo gemello". (2 pagine, formato word) (0 pagine formato doc)

Untitled Giochi di potere fra etica e genetica Luigi Creazzo II BE 14/1/2000 L' uomo ha da sempre cercato di uguagliare Dio in tutto e per tutto, seguendo la sua sete di potere, e recentemente, grazie alle nuove scoperte tecnologiche, sicuramente si avvicinerà sempre più ad un potere che crederà essere quasi divino.
La clonazione è sicuramente una di questi tecnologie: grazie ad essa un individuo può essere replicato totalmente prelevando una cellula qualsiasi dell'individuo originale. Questo metodo, che sicuramente può essere considerato dai più immorale e non rispettoso della vita, è attualmente allo studio per un possibile impiego per la creazione di organi da trapianto, ma, si sa, l'uomo si spinge sempre oltre i limiti, ed è facile arrivare con la fantasia (e forse non solo con quella) dall'organo all'organismo. E' noto che nel periodo della guerra fredda era in corso una “gara” fra Stati Uniti e U.R.S.S.
per la supremazia mondiale: c'era la corsa allo spazio, la corsa agli armamenti, e si dice ci fosse pure la corsa al soldato perfetto. Nel romanzo si ipotizza che l'Unione Sovietica fosse stata la prima fra le due potenze a creare i “soldati perfetti”, ed appena la notizia si sparse per il mondo, anche gli Stati Uniti si sentirono in dovere di agire, ovviamente in segreto, come ormai loro buona tradizione. In quel periodo parlare di fecondazione in vitro o di clonazione era come parlare dell'uomo su Marte oggi, ma alcuni pionieri di questa tecnica hanno sperimentato, con il benestare del loro governo, addirittura la clonazione di un individuo. La storia vera e propria si svolge ai giorni nostri ed è costruita con un solido intreccio, è molto scorrevole e coinvolgente, le spiegazioni scientifiche sono chiare ed esaurienti in modo tale che chiunque non abbia mai avuto a che fare con Mendel, Watson o Crick possa capire chiaramente di cosa si parla. L'autore, però, a volte ha esagerato in quanto alcuni dettagli sono tecnicamente impossibili, come il numero di clonazioni, sicuramente improbabile, poiché dopo un certo numero di divisioni, il citoplasma, che è la parte della cellula al di fuori del nucleo, è talmente ridotto in quantità da non permettere la vita della cellula stessa. Un'altra tematica trattata dal romanzo di Ken Follett è la maternità violata delle donne che credevano di essersi sottoposte ad una cura per risolvere i loro problemi di infertilità ed invece vengono usate dalla Genetico, al pari dei frutti della clonazione, come cavie da laboratorio. Questo romanzo mi fa riflettere sull'utilizzo improprio delle conoscenze dell'uomo, che spesso lo ha portato a farne un utilizzo totalmente differente da quello per cui aveva cominciato a lavorare. L'uomo spesso non si rende conto del fatto che non gli è dato poter sapere e poter fare tutto ciò che crede, in barba all'etica morale e professionale e per inseguire la ricchezza e la fama. Un giorno l'umanità riuscirà a scoprire i più piccoli dettagli dell'origine del