La guerra tra Elisabetta I e Filippo II: riassunto

Appunto inviato da allygria
/5

Riassunto della guerra tra Elisabetta I e l'invincibile armata di Filippo II avvenuta nel 1587 (2 pagine formato doc)

LA GUERRA TRA ELISABETTA I E FILIPPO II: RIASSUNTO

La Regina Elisabetta contro l'invincivile armata di Filippo II.

La regina Elisabetta I, spesso chiamata la regina vergine perché non si sposò mai, è stata una dei più grandi sovrani che l'Inghilterra abbia mai avuto. Come donna, di certo, aveva i suoi difetti: era vanitosa, gelosa e spietata contro coloro che odiava; ma, come regina, fu un abile regnante e un coraggioso leader per i suoi uomini. Il suo lungo regno (1558-1603) fu uno dei più gloriosi: Shakespeare, Bacon e Spenser fecero grande la letteratura inglese e i famosi Lupi di Mare d'Elisabetta (pirati come Francis Drake) le garantirono una nazione forte e una grande potenza navale.
La regina Elisabetta aveva molti nemici in Europa e il principale era Re Filippo II di Spagna. Dure leggi erano passate in Inghilterra contro i Cattolici e molti furono giustiziati e torturati; perciò il Papa scomunicò Elisabetta e chiese a Filippo di attaccare l'Inghilterra e deporre la regina.

Filippo II ed Elisabetta I: riassunto


L'INVINCIVILE ARMATA: RIASSUNTO

Inoltre da molti anni i pirati inglesi attaccavano le navi spagnole, provenienti dalle colonie americane, cariche d'oro ed argento.La regina Elisabetta in segreto supportò ed incoraggiò i suoi marinai ad attaccare gli spagnoli, anche se ufficialmente non poteva farlo per evitare che Filippo II avesse un buon motivo di dichiarare guerra all'Inghilterra. Per la Spagna era di vitale importanza che la rotta per le Americhe fosse aperta. Filippo aveva costituito una grossa flotta, una flotta che non poteva, secondo lui, essere sconfitta: la così detta Invincibile Armata. A questo punto la guerra divenne inevitabile. Nel 1588 gli spagnoli arrivarono nel canale della Manica e navigarono fino al porto di Calais, dove dovevano incontrare l'esercito spagnolo del Duca di Parma e trasportarlo in Inghilterra.

Tesina su Elisabetta I


ELISABETTA E FILIPPO

Gli Inglesi erano abbastanza impreparati per resistere ad un attacco e c'erano troppo pochi cannoni e navi da guerra. Ma Londra e altre grandi città aiutarono a costruire navi, così come i mercanti che avevano il denaro necessario per costruirne altre a loro spese. Adesso la flotta nazionale, che all'inizio consisteva in sole trentaquattro navi, aveva cento vascelli, ancora pochi paragonati a quelli spagnoli ma equipaggiati di coraggiosi ed esperti marinai. Quando l'armata spagnola navigò lungo il canale in forma di mezza luna, le navi leggere inglesi attaccarono sul fianco la flotta nemica seguendo il piano di Drake combattendo una battaglia di manovra cioè colpendo il nemico fuggendo subito dopo.Inseguirono gli enormi e lenti vascelli Spagnoli in una caccia durata nove giorni, dopodiché l'Armada aiutata dai venti di Sud-Ovest all'ultimo si rifugiò nel porto di Calais dove al sicuro gettò l'ancora. Una notte Drake mandò otto brulotti in fiamme in mezzo alla flotta spagnola ed uno o due di quelli enormi vascelli presero fuoco.