Il teatro inglese dalle origini all'avvento di Shakespeare: riassunto

Appunto inviato da vale2b
/5

Riassunto di letteratura inglese sulla nascita del teatro inglese nel 1500 all'avvento di William Shakespeare (2 pagine formato doc)

IL TEATRO INGLESE

Il teatro inglese dalle origini all'avvento di Shakespeare. Nell’Inghilterra di inizio Cinquecento, le rappresentazioni proposte in teatro erano raggruppabili in vari generi: c’erano quelle sacre e i drammi allegorici religiosi (miracle plays e morality plays); gli intermezzi drammatici (interludes) che venivano rappresentati durante gli intervalli dei banchetti; commedie di Plauto e Terenzio e tragedie di Seneca (inizialmente in latino), rappresentate nelle università e a corte.

*Durante il XIV secolo in Inghilterra il miracle play, una trascrizione in volgare d’episodi delle Sacre Scritture, comincia a essere rappresentato, raggiungendo di sovente esiti molto originali, inizialmente all'interno della chiesa quindi sul sagrato di questa e infine su carri allegorici, i pageants, che giravano per le piazze e le vie delle città organizzatrici di tali spettacoli.
I guilds, corporazioni d’arti e mestieri, si impegnavano a preparare gli spettacoli, ma anche il clero contribuiva, fornendo i materiali scenici, i testi e gli interpreti.


A partire dal 1311, anno in cui il Papa istituisce, con un descreto, la festività del Corpus Domini, il miracle play viene rappresentato specialmente quell’occasione; nel corso del tempo, vengono raggruppati in "cicli" che mettono in scena tutte le vicende della Storia Sacra da Adamo ed Eva al Giudizio Universale.

A causa della scarsezza di città così ricche da permettersi le ingenti spese che tali rappresentazioni richiedevano e da offrire un ciclo completo ne sono giunti a noi un numero estremamente esiguo.

Il teatro inglese ai tempi di Shakespeare

TEATRO INGLESE SHAKESPEARE

*Contrariamente al miracle paly, il morality play è un dramma allegorico, a fine didattico- moralistico che sviluppa, personificando delle astrazioni (Morte, Confessione, Buone Opere, Penitenza, Ognuno, Genere Umano, ecc.) e rappresentando allegoricamente vizi e virtù, sostanzialmente due motivi: il cammino che l'Uomo deve percorrere per raggiungere la salvezza ultra terrena e la lotta tra il bene e il male per la conquista della sua anima.
La rappresentazione di questi spettacoli richiedeva una scena fissa che poteva essere montata nei cortili delle locande, nelle sale universitarie o dei palazzi e a Corte.
Durante la prima metà del Cinquecento giunge in Inghilterra la moda degli interludes, intermezzi drammatici rappresentati durante feste o banchetti che affrontano temi e problemi legati alla politica, al buon governo, all'educazione, con un ispirazione ancora profondamente allegorica.
Il teatro di Plauto, Terenzio e Seneca, tradotto, attualizzato e adattato alle esigenze del pubblico inglese, sarà alla base dell’enorme produzione drammatica del teatro elisabettiano. Plauto e Terenzio per la commedia e Seneca per la tragedia diventeranno i modelli indiscussi per tutti gli autori del periodo, che composero un'infinità di imitazioni delle loro opere e che, da quegli autori, continuarono a trarne spunto. Ad esempio Shakspeare, agli inizi della carriera, trasse spunto dai Menaechmi di Plauto per comporre la Commedia degli equivoci.

Shakespeare: vita e opere principali

TEATRO INGLESE: RIASSUNTO

Le opere di Seneca, diffuse attraverso la Corte, l’università e la scuola in genere, forniranno, nelle versioni inglesi, gli elementi fondamentali per dar origine alla tragedia elisabettiana: vendette, senso dell'inevitabilità del destino, orrori, apparizioni, fantasmi, delitti efferati riempiranno la scena inglese fino alla Restaurazione (1660). Nella prima metà del secolo XVII, il teatro divenne la forma di intrattenimento preferito e, proprio in quel periodo, nacque la figura del Master of the Revels che svolgeva il compito di sovraintendere all'allestimento degli spettacoli e da censore.