Problemi di scelta in condizioni di incertezza

Appunto inviato da 06marzia89
/5

Note sul calcolo delle probabilità: criterio del valor medio, criterio del pessimista e criterio dell'ottimista (1 pagine formato doc)

In questo tipo di problemi i dati dipendono da eventi incompatibili e complementari (il verificarsi di uno degli eventi indicati esclude il verificarsi degli altri e la somma delle loro probabilità è uguale a 1) e si suppone che i risultati conseguiti siano immediati, cioè che sia trascurabile l'intervallo di tempo che intercorre tra la scelta e la realizzazione dei risultati.


Per questi tipi di problemi si utilizzano i seguenti criteri:

  • Criterio del valor medio;
  • Criterio del pessimista e dell'ottimista.

Criterio del valor medio


Questo criterio consiste nel calcolare, per ogni alternativa possibile, il relativo valor medio.

La decisione "ottima" sarà l'alternativa a cui corrisponde il valor medio maggiore, se la funzione obiettivo è la funzione guadagno, minore, se la funzione obiettivo è la funzione costo.

Il criterio del valor medio ha significato solamente se le scelte si possono ripetere e se sono state eseguite un numero elevato di volte, perché in tali condizioni risulta valida la legge dei grandi numeri: all'aumentare del numero delle scelte, le frequenze con cui si verificano gli eventi si avvicinano alle relative probabilità.