Biella veloce: esercizi svolti

Appunto inviato da volpati46
/5

Dimensionamento e verifica di una biella veloce, con formule: esercizio completo svolto (4 pagine formato doc)

BIELLA VELOCE: ESERCIZI SVOLTI

Esercizi svolti di meccanica sulla biella veloce.

Dimensionamento e verifica di una biella veloce. Si esegua il dimensionamento e la verifica di una biella di un motore veloce, avente sezione a doppio T, con le seguenti caratteristiche:
-    Diametro del cilindro:  D= 68mm;
-    Corsa dello stantuffo:   C= 65mm;
-    Lunghezza della biella:   = 108,5mm;
-    Massa del fusto della biella:  m = 0,315 kg;
-    Massa totale degli organi che realizzano il moto alterno:  Ma= 0,6 kg;
-    Pressione massima di combustione:  Pmax= 3,9 Mpa;
-    Pressione del fluido motore in  fase di espanzione nella posizione di quadratura  
       (biella perpendicolare alla manovella): P= 0,78 Mpa;
-    Numero di giri:  n= 4800 giri/min
-    Materiale: acciaio legato da bonifica   40NiCrMo7UNI7845.
Eventualmente fissare, con motivati criteri, ogni altro elemento mancante.
ESEGUO:...

Tesina sulla biella meccanica


BIELLA MANOVELLE FORMULE

Il carico massimo di compressione cui risulta sottoposta la biella è dato dal prodotto della pressione massima del fluido motore per l’area della sezione retta dello stantuffo, ossia:...
RICAVO L’ALTEZZA h DAL MOMENTO QUADRATICO D’INERZIA
Assumendo il coefficiente di sicurezza μ pari a 20 ricaviamo dalla formula empirica del minimo momento di inerzia assiale (rispetto all’asse y) Imin = 0,018h4  l’altezza h della biella e si ottiene:...

Meccanismo biella, manovella: tesina di meccanica


CALCOLO BIELLA MANOVELLA

SNELLEZZA DELLA BIELLA
Poiché λ risulta minore di 100, la formula di Eulero non è applicabile e occorre quindi effettuare la verifica con quella di Rankine.
Nel caso in esame, dunque, si adopera l’acciaio legato da bonifica  40 Ni Cr Mo 7 UNI 7845, cui può attribuirsi una tensione di rottura statica alla trazione σR = 1100 N/mm2 ed una corrispondente tensione di snervamento σs = 730 N/mm2; pertanto se, per la valutazione della tensione ammissibile, ci si riferisce a quest’ultima tensione e si assume un grado di sicurezza allo snervamento ns= 1,5, si ottiene, per la tensione ammissibile statica, riferita alle sollecitazioni normali, il valore:
A sua volta, la tensione ammissibile alla fatica alternativa σFam  riferita alle sollecitazioni normali, si può assumere, in prima approssimazione, pari ad 1/3 della corrispondente tensione ammissibile statica, per cui si ha:..
Nota la tensione ammissibile alla fatica  σFam , riferita alle sollecitazioni normali, si può calcolare, mediante la relazione di Rankine, il valore della tensione ammissibile al carico di punta affaticante σFamp; risulta, al riguardo:..

.