Tessuto connettivo propriamente detto

Appunto inviato da farfa
/5

caratteristiche principali del tessuto connettivo propriamente detto (2 pagine formato doc)

Tessuto connettivo propriamente detto.

Tessuto mucoso maturo: è scarsamente rappresentato nell'organismo umano adulto. Presenta cellule fusate, piatte o stellate, provviste di prolungamenti e immerse in un'abbondante matrice extracellulare gelatinosa, ricca di GAG e proteoglicani, contenente esili e scarse fibre collagene e rare fibre elastiche.

Leggi anche Le funzioni del tessuto connettivo

Questo tessuto costituisce la componente principale della polpa dentale, forma l'umor vitreo dell'occhio e si trova inoltre nel funicolo ombelicale dove prende il nome di Gelatina di Wharton. Tessuto connettivo fibrillare lasso: è la varietà di tessuto connettivo più diffusa nell'organismo umano e costituisce lo stroma di molti organi.
Il connettivo lasso si presenta come una rete a larghe maglie costituita da fibre collagene immerse in un'abbondante sostanza fondamentale. Questa appare sotto forma di gel viscoso e contiene un importante componente, il liquido interstiziale o tissutale. Nella sostanza fondamentale prevale l'acido ialuronico. Nella componente fibrillare le fibre collagene risultano molto più numerose di quelle elastiche e decorrono in fascetti variamente intrecciati fra loro. Le fibre elastiche hanno un andamento flessuoso.

Leggi anche Caratteristiche del tessuto muscolare

Inoltre nel connettivo lasso sono presenti anche cellule adipose, capaci di sintetizzare e accumulare lipidi. Queste cellule, associandosi in masse, svolgono una funzione meccanica, in quanto costituiscono una protezione attorno ad alcuni organi (per esempio il rene) o si dispongono all'interno di formazioni articolari (articolazione dell'anca). Pertanto le principali funzioni del connettivo lasso sono quella si sostegno, di protezione e una funzione trofica. Le prime due sono dovute al fatto che il connettivo lasso è flessibile ed elastico e quindi le formazioni anatomiche da esso sostenute e connesse possono facilmente spostarsi l'una rispetto all'altra. Inoltre le fibre connettivali di questo tessuto sono responsabili della resistenza che esso oppone alla trazione e anche della sua elasticità.

Leggi anche Proprietà e caratteristiche del tessuto cartilagineo

Così nella cute lo strato sottocutaneo (formato da connettivo lasso) permette una certa mobilità degli strati superficiali delle masse muscolari e sui piani scheletrici sottostanti.