Goffman e l'uomo come attore sociale

Appunto inviato da ariannasicuso
/5

Pensiero di Goffman, in particolare nell'ambito dell'uomo come attore e dei ruoli che acquisisce in particolare nelle istituzioni (4 pagine formato doc)

GOFFMAN
Nell’ambito delle scienze umane, ad evidenziare questo contrasto tra apparire ed essere fu in particolare Goffman.
Egli infatti riteneva che l’uomo è un attore che recita durante il corso della sua vita quotidiana, assumendo tanti ruoli, di conseguenza nasconde la sua vera essenza. 
Quindi  Goffman presenta una concezione drammaturgica del mondo sociale. Egli in particolare analizzò ciò che succede nell’interazione tra gli individui. 
Innanzitutto egli comprese che l’uomo è molte volte costretto a fidarsi di persone come commessi, farmacisti o idraulici, che non aveva mai visto in precedenza, però è anche vero che la sua fiducia è fondata su qualcosa di oggettivo, ad esempio sappiamo,  che un medico che incontriamo in un ambulatorio deve essere laureato. Questi dati oggettivi sono definiti dalla sociologia Status Sociale.


Lо status sociale quindi comprende tutti i fattori che definiscono la posizione di un individuo nella società. 
Le informazioni sullo status sociale di una persona, però, non è direttamente accessibile ad un uomo.
Anche se disponesse di tali dati, per prevedere il comportamento futuro di una persona sarebbero necessarie ulteriori informazioni come ad esempio 1'effettivo risultato о prodotto delle attività а1trui, o gli altrui sentimenti nei suoi confronti.