Psicologia dello sviluppo

Appunto inviato da misstitty87
/5

Sintesi analitica del manuale che costituisce una sorta di introduzione alla materia (18 pagine formato doc)

Lo studio dello sviluppo

APPROCCI TEORICI ALLO STUDIO DELLO SVILUPPO


Approccio comportamentistico
L'individuo è un soggetto docile e plasmabile caratterizzato da una capacità illimitata di apprendere.
Il cambiamento evolutivo è sempre imposto dall'esterno.
Metodo d'indagine prediletto è la sperimentazione ed ossrvazione con il massimo del controllo. 2 correnti:
Comportamentismo radicale (Skinner): lunga sequenza di esperienze di apprendimento
Teoria dell'apprendimento sociale (Bandura): L'apprendimento può derivare dall'osservazione di altre persone.

Approccio organismico
Individuo visto come organismo attivo, spontaneo, teso a realizzare le proprie potenzialità. Il bambino costruisce gradualmente la comprensione di sé, degli altri e del mondo esterno.
Sperimentazione con controllo moderato.
Esponenti: Piaget, Vygotskij e Werner

Approccio Psicoanalitico
Individuo come organismo simbolico capace di attribuire significati a se stesso e al mondo che lo circonda cambiamento visto come esito di conflitti interni: amore e odio, unione e separazione. Approccio interessato a ricostruire la storia personale degli individui.

Teoria Naturazionismo
Maturazione è il meccanismo che comporta l'aumentare delle abilità con il crescere dell'età. Gesen è il più grande sostenitore e sottolinea il ruolo della base biologica nel determinare gli schemi dello sviluppo. Chomsky per la comparsa del linguaggio nel bambino, innata capacità dell'essere umano.