Bion e la teoria delle funzioni

Appunto inviato da
/5

Appunti riguardanti"Dinamica di gruppo":Bion tra psicologico,matematico e biologico descrizione semplificata di uno dei concetti principali di un'autore simpatico a pochi.(formato word 2 pg) (0 pagine formato doc)

Untitled BION E LA TEORIA DELLE FUNZIONI Bion considera il pensare come una funzione della personalità, che nasce dall'interazione di una varietà di fattori.
Termini come funzione e fattori sono di largo uso nelle scienze matematiche mentre prima di Bion non trovavano spazio in quelle psicologiche. Bion usa questi termini per definire funzioni della personalità, quindi non nell'accezione ristretta in cui essi sono usati nelle scienze matematiche, infatti sia la teoria delle funzioni, che in particolare quella della funzione alfa debbono essere considerate come strumenti dell'elaborazione psicoanalitica che permettano all'analista di lavorare senza la necessità di proporre prematuramente teorie nuove . Infatti la teoria delle funzioni , associata con l'utilizzazione di modelli può essere applicata a situazioni analitiche di diverso tipo conferendo alla teoria e alla pratica analitica una maggiore flessibilità.
Funzione Alfa e Reverie Area d'indagine in cui si applica il concetto di funzione alfa, include i processi di pensiero così come si manifestano nei loro prodotti finali. In pratica la funzione alfa, è una funzione della personalità che agisce sulle impressioni sensoriali e sulle esperienze emotive percepite trasformandole in elementi alfa, questi ultimi sono quindi queste impressioni sensoriali e le esperienze emotive trasformate in immagini visive o in immagini corrispondenti a modelli uditivi, olfattivi, etc che nel dominio della mente sono usati per la formazione di pensieri onirici del pensare inconscio della veglia, di sogni e ricordi. In contrapposizione con la funzione alfa Bion postula l'esistenza degli elementi beta che sarebbero le impressioni sensoriali e le esperienze emotive non trasformate che quindi non risultano idonei a pensare, sognare, ricordare, o ad esercitare le funzioni intellettuali generalmente ascritte all apparato psichico. Perché possa instaurarsi la funzione alfa, è necessario che il bambino stabilisca con la figura materna un buon rapporto, infatti essendo ancora immaturo egli è incapace di discriminare gli stimoli e li proietta nella madre affinché essa possa raccoglierli e comprenderli. Quindi nella coppia madre - figlio come in quella paziente ed analista avviene uno scambio definito da Bion come rapporto fra contenitore ( ) e contenuto ( ) in cui elementi beta vengono proiettati nella madre- contenitore per poi essere reintroiettati una volta che abbiano perso gli aspetti angoscianti. Questa capacita materna di fornire amore e comprensione al bambino, collegata alla sua capacità contenitiva consente la strutturazione della funzione alfa nel bambino. Tale capacità materna viene definita da Bion Reverie. Nella pratica psicoanalitica, il terapeuta deve svolgere nei confronti del paziente la funzione che la madre svolge nei confronti del bambino, deve quindi essere il contenitore di tutte quelle emozioni o esperienze sensoriali che il paziente non riesce ad elaborare o digerire da solo, questo per poi restituir