La devianza

Appunto inviato da superlobo
/5

Appunti universitari sulla devianza. (2 pagine formato word) (0 pagine formato doc)

Untitled La devianza.
Per devianza s'intende un comportamento del singolo deviante, ovvero, discostante rispetto al gruppo stesso. Questo problema è legato a quello della libertà all'interno di un gruppo, Festinger analizzò una delle ragioni del diminuire della libertà stessa. Infatti ciascun componente richiede dagli altri il consenso allo scopo di perseguire gli obbiettivi del gruppo, il raggiungimento dei quali è regolato da norme operative, per non lasciare il gruppo allo sbaraglio, e che fissano le priorità del sistema. Tali priorità essendo i bisogni del sistema, interferiscono necessariamente con i bisogni del singolo. A tal proposito, Schachter ha condotto una ricerca sulla pressione alla conformità nei gruppi.
Inizialmente fu chiesto ad un gruppo di circa dieci studenti di decidere in merito alla sorte che, secondo loro, spettava ad un giovane delinquente. Al suo interno vi erano tre studenti, d'accordo con lo sperimentatore, che manifestavano tre tipi di opinione. Una conforme, ovvero modale, al gruppo, la seconda era deviante rispetto all'opinione della maggioranza, la terza variava da una posizione deviata estrema ad una posizione finale di carattere modale. La discussione durò circa 45 minuti, e fu caratterizzata da un alto livello di comunicazione , per quasi tutto il tempo, nei confronti di colui che prospettava una posizione deviante. È evidente che si faceva qualunque tentativo affinché l'opinione da deviante diventasse modale, fino ad arrivare agli ultimi dieci minuti di discussione, in cui la maggioranza non se ne interessò più, sembrava fosse stato respinto, con manifestazioni di ostilità. Verso colui che esprimeva un'opinione modale fu rivolta solo più attenzione alla fine, e ben poca attenzione fu data alla persona che manifestava un opinione volubile nel momento in cui aderì all'opinione della maggioranza. Schachter rivelò, concluse, quanto importante fosse l'opinione comune nei gruppi a forte coesione interna, a tal punto da mostrare intolleranza maggiore verso il deviante rispetto ai gruppi con un basso grado di coesione. Il fenomeno della devianza viene studiato anche attraverso la teoria dell'impatto sociale di Latanè . Questa teoria vuole studiare come si manifesta la pressione altrui per farci cambiare idea nelle più svariate circostanze. L'impatto sociale è determinato da tre fattori: il numero dei componenti del gruppo. Infatti, più numeroso è il gruppo, maggiore è l'influenza che si esercita sul deviante. La forza di coloro che influiscono. Più in gruppo è forte, più vi è la possibilità di influire sul deviante. L'immediatezza, relativamente alla dimensione spazio temporale. Quanto più è vicino fisicamente colui che esercita l'influenza, tanto più forte è l'influenza stessa, che varia anche se il deviante si allontana dal gruppo per un tempo più o meno lungo. In conclusione, i teorici dell'impatto sociale affermano che all'interno dei piccoli gruppi , ciascun membro ha più libertà, i fattori d'influenza sono pochi