Le forme del linguaggio non verbale

Appunto inviato da kristydolce
/5

Le forme del linguaggio non verbale: espressioni del viso, gesti e movimenti del corpo, posture, contatto fisico, comportamento spaziale, abbigliamento e componenti non verbali del linguaggio (2 pagine formato doc)

LE FORME DEL LINGUAGGIO NON VERBALE

Le forme del linguaggio non verbale
Anche gli adulti comunicano moltissimo attraverso la modalità non verbale; non sempre è possibile tenere sotto controllo le proprie emozioni.

Per esempio, se siamo tesi e ne siamo consapevoli possiamo sforzarci di non comunicare la nostra tensione alle persone che ci stanno osservando, controllando le espressioni del viso e la postura; ma possiamo dimenticare di tenere sotto controllo le mani oppure una gamba, che, a nostra insaputa, continua a dondolare avanti e indietro.

Tesina sul linguaggio del corpo

LINGUAGGIO NON VERBALE: ESEMPI

•    Espressioni del viso: con le mimiche possiamo inviare una grande quantità di messaggi: simpatia, antipatia, interessi, incredulità, ecc... Nel viso lo sguardo è molto importante perchè consente di capire meglio le reciproche intenzioni, il reale significato di ciò che viene detto.

Quando però lo sguardo altrui è troppo insistente o inquisitore o minaccioso può essere difficile sostenerlo e si preferisce distogliere il proprio e guardare altrove.
    La bocca può assumere anch'essa svariati significati: contribuisce in maniera sostanziale al sorriso e al riso, ma può anche esprimere disapprovazione,     durezza, ironia oppure affetto e, con lo sbadiglio, noia e disinteresse.
•    Gesti e movimenti del corpo: alcuni hanno significati universali, altri invece sono più legati alla cultura e quindi possiedono una convenzionalità che è compresa soltanto da coloro che li hanno appresi. I gesti automanipolativi sono in genere indicatori di stati di nervosismo, di disagio o di noia e servono a scaricare la tensione.

Tema sulla comunicazione non verbale

LINGUAGGIO NON VERBALE DEL COPRO

•    Posture: sono le posizioni che assume il corpo, di cui le 3 principali sono: eretta, a sedere e distesa. Da queste nascono molte posizioni intermedie che esprimono stati psichici e intenzioni diverse come: sicurezza, disponibilità, timidezza, timore, minaccia,ecc... L'inclinazione del busto può essere molto indicativa. In genere si inclina leggermente il busto in avanti quando si vuole esprimere disponibilità o coinvolgimento. Se però è eccessiva, l'inclinazione può essere interpretata come invadenza o come aggressività. Il busto spostato all'indietro serve ad indicare che si è rilassati ma altre volte può rivelare distacco, incredulità o freddezza. L'inclinazione del capo su una spalla indica generalmente disponibilità o intenerimento.
•    Contatto fisico: nei bambini è un mezzo di comunicazione e di rassicurazione molto importante. Fino a 11-12 anni i bambini continuano a toccare i loro genitori, fratelli e amici con grande spontaneità. Anche i giochi di lotta sono una forma spontanea di contatto. Nell'adolescenza il contatto fisico con i familiari si riduce, mentre con gli estranei è generalmente limitato al saluto. Negli adulti il contatto fisico è regolato da norme che variano a seconda della cultura e delle situazioni.
•    Comportamento spaziale: il modo in cui le persone si collocano in uno spazio è spesso regolato dalle convenzioni. C'è una distanza intima entro la quale è facile il contatto fisico, si può parlare sottovoce, cogliere l'intensità delle emozioni, sentire l'odore della persona; una distanza sociale per le relazioni più impersonali come quando uno è dietro ad uno scrittoio: in questo caso il tono di voce deve essere più alto; una distanza pubblica tipica delle apparizioni in pubblico, dei pubblici avvenimenti come rappresentazioni teatrali, concerti, comizi, ecc... In genere tra di noi e gli estranei interponiamo una distanza maggiore di quella che teniamo tra noi e gli amici; ridurre la distanza fisica significa infatti accordare confidenza, creare un clima amichevole e informale. Anche le posizioni sono indicative: le posizioni che si assumono nello spazio possono esprimere qualcosa che esiste tra le persone e sul tipo si situazione interpersonale che stanno vivendo in quel momento.