Psicologia dello Sviluppo Sociale

Appunto inviato da mariellatenaglia
/5

Appunti di Psicologia. (4 pagine formato docx)

La Psicologia dello Sviluppo Sociale è l’ambito di studio della psicologia dello sviluppo e della psicologia sociale.
E’ la progressione individuale delle capacità sociali e delle competenze specifiche nelle diverse fasi dello sviluppo. L’accento è, quindi, sull’individuo e sulla progressione delle sue competenze sociali nel corso dello sviluppo.

LO SVILUPPO SOCIALE (Clicca qui >>)


Può essere considerato anche come un processo in cui sono intrecciate le predisposizioni biologiche e le condizioni, le opportunità, ed i vincoli che accompagnano l’individuo nel corso della scoperta continua della vita sociale. In questo caso l’accento è rivolto sull’interazione tra biologico e sociale, è quindi sui processi, e non sulle competenze.
Facendo riferimento tra individuale a sociale, possiamo riconoscere due tipi di orientamenti, quello individuale, o psicologico, e quello sociale, o sociologico.

APPUNTO DI PSICOLOGIA SOCIALE (Clicca qui >>)


Il primo studia i processi psicologici individuali, e le principali scuole di pensiero a cui fa riferimento sono il Comportamentismo, ovvero l’osservazione del comportamento e delle sue cause esterne, ed i suoi maggiori esponenti sono Skinner e Watson per quanto riguarda il condizionamento tramite rinforzo, mentre, Bandura e Walters, per quanto riguarda l’apprendimento tramite osservazione; la Gestalt, che studia la percezione umana dando molta importanza alla consapevolezza, ed, infine, il Cognitivismo, ovvero la corrente che considera l’individuo come soggetto attivo capace di autodirigersi, e dove l’attenzione è posta sul modo in cui la mente processa le informazioni.

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO (Clicca qui >>)


L’orientamento sociale studia in che modo le interazioni, la cultura, ed il linguaggio, contribuiscono alla costruzione dei processi psicologici. Le principali scuole sono l’Interazionismo Simbolico, la Fenomenologia e l’Etnometodologia. La prima, con autore principale Mead, supera il problema del rapporto tra individuo e società, sostenendo che tra questi due livelli non c’è separazione, individuale e sociale sono interdipendenti, e la mente ha origini sociali.