Rapporto tra individuo e gruppo

Appunto inviato da mipole Voto 7

Rapporto tra individuo e gruppo in psicologia sociale, con riferimenti al testo "Cogitations" di W.R. Bion (3 pagine formato doc)

SPECIALE SCUOLA

| Maturità 2018 |Temi svolti |Tesine

RAPPORTO TRA INDIVIDUO E GRUPPO

Considerazioni sul testo Cogitations di W.R. Bion. "... il narcisismo, apparentemente il narcisismo primario, e' collegato al fatto che il senso comune e' una funzione del rapporto del paziente con il proprio gruppo e che nel rapporto con il gruppo il benessere dell'individuo viene dopo la sopravvivenza del gruppo. La teoria di Darwin della sopravvivenza del piu' adatto a sopravvivere in un dato ambiente naturale deve venire sostituita da una teoria della sopravvivenza del piu' adatto a sopravvivere in un gruppo, almeno per quanto riguarda la sopravvivenza dell'individuo. Cioe', l'individuo deve possedere un alto grado di senso comune:
1) la capacita' di vedere tutto quello che tutti gli altri vedono in relazione al medesimo stimolo,
2) la capacita' di credere nella sopravvivenza dopo la morte in una specie di Cielo o di Valhalla o di qualche altra cosa del genere e, 3) la capacita' di allucinare o manipolare i fatti in maniera tale da produrre materiale per la convinzione delirante che esista nel gruppo un fondo inesauribile di amore nei propri confronti.

Tutto su Charles Darwin

IL GRUPPO IN PSICOLOGIA SOCIALE

Se per qualche motivo il paziente non ha queste capacita' o una qualche simile serie di capacita' che gli consentono di raggiungere un buon grado di subordinazione al gruppo, allora e' costretto a difendersi contro la sua paura del gruppo - e' ben noto che il gruppo e' indifferente al destino del paziente in quanto individuo - tramite la distruzione del suo senso comune o del senso delle pressioni del gruppo su di lui in quanto individuo: questo e' l'unico metodo disponibile attraverso cui preservare il suo narcisismo. Nella forma estrema di difesa, nello psicotico, il risultato di questi attacchi distruttivi appare come una sovrabbondanza di narcisismo primario. Ma questa e' solo un'apparenza: quello che si presuppone essere narcisismo primario deve invece venir riconosciuto come secondario alla paura del 'social-ismo'".

I gruppi sociali: definizione e caratteristiche

CARATTERISTICHE DEL GRUPPO

Questo brano, tratto da Cogitations di Bion, mi sembra riassuma in modo molto denso alcuni punti di riflessione rispetto alla relazione fra individuo e
gruppo. Da un lato l'individuo come concetto filosofico e religioso (l'Uno) e la sua centralita' rispetto al mondo (il sociale), o come concetto psicoanalitico: con Freud l'individuo perde il valore sia di centralita', sia dell'ideale di "essere padrone in casa propria", ma acquista nuovi approfondimenti con la
metapsicologia e nella sua relazione con l'altro (il transfert). Parallelamente la psicoanalisi di gruppo ha indagato il problema intraprendendo
originali apporti all'approfondimento del sociale nel suo insieme, come per  esempio il concetto di "assunto di base". Indubbiamente Bion confrontandosi direttamente con entrambi i punti di vista ha  arricchito la metapsicologia con la "teoria del pensiero" e con la ricerca sul gruppo cio' che Freud in Totem e tabu', in Psicologia delle masse e analisi dell'Io e nel Disagio della civilta' aveva sviluppato come relazione fra l'individuo e il sociale.