Riassunto L'(im)moralità del bullismo di Caravita Simona

Appunto inviato da chichina17
/5

riassunto molto dettagliato di "L'(im)moralità del bullismo" di Caravita Simona (22 pagine formato pdf)

Riassunto L'(im)moralità del bullismo di Caravita Simona - IMMORALITA’ DEL BULLISMO
1.

AGGRESSIVITA’ E BULLISMO - Termine AGGRESSIVITA’, termine diffuso TV need distinguere A. SANA O POSITIVA capacità di affermare sé stessi, oppure può rapp un meccanismo di difesa legato all’istinto di sopravvivenza. Quella NEGATIVA. TV c’è un sostanziale consenso nel definire l’aggressione cm
un comportamento che ha un impatto negativo sulle relazioni sociali e il benessere psicologico della xsona.

Leggi anche Il bullismo a scuola

AGGRESSIVITA’ E AGGRESSIONI - No costituiscono sinonimi. AGGRESSIVITA’ disposizione interna stabile dell’individuo, talvolta coincidente con una
caratteristica temperamentale.
No è osservabile direttamente ma può portare ad agire in maniera distruttiva o dannosa. NOVAK le caratteristiche della aggressività sono INTENSITA’: grado di presenza di qst caratteristica nei sogg CRONICITA’: tendenza di qst disposizione a permanere nel tempo

Leggi anche Tema sul fenomeno bullismo

AGGRESSIONE - comportamenti di attacco messi in atto da un individuo che hanno una frequenza\durata\bersaglio definito e motivazioni e obiettivi specifici. È osservabile e misurabile direttamente
DEFINIZIONI STORICHE
PROSPETTIVA ETOLOGICA aggressività cm una componente energetica inside l’uomo su base istintuale e insieme a fame\sete\sessualità ha valore adattivo in funzione della sopravvivenza della specie.

Leggi anche Lo sviluppo del bullismo al femminile

PSICOANALITICA aggressività cm pulsione ossia una forza motivazionale a base innata, di cui FR ha marcato la dimensione distruttiva e no adattiva, contrapposta ad una pulsione vitale. Anche se a questo tipo di interpretazione intrapsichica della aggressività si è contrapposta una definizione che la considera cm una risposta che trasmette uno stimolo dannoso ad un altro organismo. Concezione comportamentista che però no è considerata adeguata.