La vita quotidiana nei monasteri benedettini nel Medioevo

Appunto inviato da 1r1d1um
/5

Quali erano i compiti quotidiani dei monaci nei monasteri benedettini del Medioevo? Riassunto sulla vita nei monasteri benedettini medievali (1 pagine formato doc)

MONASTERI BENEDETTINI MEDIOEVO

La vita quotidiana nei monasteri benedettini.

Prima che venissero pubblicati i Dialoghi il modello di vita monastica più diffuso era quello irlandese
In questa rassegna di vite dei santi molte pagine sono dedicate a san Benedetto.
I due livelli della vita monacale.  Il modello di vita del monastero di Montecassino e dei successivi che seguirono la sua Regola era basato più sulla vita di gruppo che sull’ascetismo, che veniva considerato un secondo livello, più difficile, da susseguirsi al cenobio.
Il carattere moderato della Regola. Il modello di vita della Regola non riguardava l’eremitaggio.
Non era un percorso impegnativo, però era necessario seguire delle regole precise. Non erano necessari eccessive veglie o eroici digiuni ma ognuno poteva bere una dose moderata di vino e aveva la sua razione considerevole di cibo. L’unico divieto era la carne degli animali.

Impero, Stato Pontificio e la lotta per le investiture: storia e cronologia

QUALI ERANO I COMPITI QUOTIDIANI DEI MONACI

L’umiltà e l’obbedienza. L’ascetismo era considerato una via per l’orgoglio. I monaci che seguivano la Regola invece dovevano vivere una vita umile e seguire gli ordini dell’Abate, eletto dalla comunità, al quale si doveva un’obbedienza assoluta. Quando si trattava di persone ostinate, disobbedienti o superbe l’Abate ordinava loro di compiere cose impossibili, come punizione. Lo stesso san Benedetto le considerava un ottimo esercizio per l’autoumiliazione.
Le pene per essere riammessi nella comunità. Chi era allontanato dall’oratorio e dalla mensa doveva, per esservi riammesso, prostrarsi per terra ai piedi dei propri colleghi alla fine del divino Officio nell’oratorio finché l’Abate non decideva che la pena fosse sufficiente. Faceva parte dell’umiltà anche il non possedere oggetti propri. Per scongiurare questo fatto, l’Abate controllava periodicamente ogni letto di ogni monaco.
Preghiera e lavoro. La formula che sintetizza al meglio la vita del monaco benedettino è “Ora et labora”. Essendo l’ozio nemico dell’anima, i monaci si dedicavano in ore precise al lavoro della terra e in altri orari allo studio delle cose divine. Se il loco richiedeva che i monaci dovessero vivere del raccolto delle loro mani, come professa la Regola, non dovevano essere malcontenti ma dovevano farlo, come avevano fatto gli apostoli prima di loro. La ricopiatura dei testi, all’inizio, non era la prima occupazione dei monaci. Con l’introduzione dei servi, che lavoravano la terra e vivevano nel convento, i monaci si dedicarono, nello scriptorum a questa faticosa pratica.

MONACHESIMO BENEDETTINO: RIASSUNTO

La disciplina del tempo e gli orari. Lo stretto legame tra le attività giornaliere dei monaci e le ore del giorno li portò a creare dei congegni meccanici, come il “mattutino” che segnalava nella notte quando era ora di compiere le preghiere. Altre preghiere venivano recitate prima dell’alba e durante il giorno.
Il monastero come comunità economia. Essendo la preghiera l’unico scopo della permanenza nel monastero, i beni dei neo-monaci venivano ridistribuiti tra i poveri o venivano donati al monastero. Così i monaci si ritrovarono ad avere grandi distese di terreno che da soli non potevano coltivare e contro il volere di san Benedetto, il monastero divenne anche un centro economico di moderata rilevanza.