Ricerca sulla storia della carta

Appunto inviato da princi17
/5

Ricerca sulla carta: storia, fabbricazione, tipi e riciclo della carta (5 pagine formato doc)

RICERCA SULLA CARTA

La cartaStoria della carta nel Medioevo.

Dal momento in cui l'uomo avvertì il bisogno della espressione scritta, si pose immediatamente il problema di avere una superficie su cui scrivere. I primi segni furono tracciati sulle pareti delle caverne, sulle ossa e sulle pietre; in seguito si usarono piastre di metallo tenero (come il rame e il piombo), tavolette di terracotta o di legno incerato, tessuti di seta e lino, il papiro e la pergamena o cartapecora.
Il primo vero antenato della carta fu il papiro.
ottenuto incollando assieme piccole strisce ricavate dal fusto della pianta omonima. La sua comparsa risale a circa 5000 anni fa presso gli Egiziani e i Greci. Anche i Romani ne fecero uso.
La causa che spinse l'uomo a mettere a punto un materiale come la carta fu il bisogno di disporre di qualcosa di comodo, maneggevole e poco costoso cui scrivere e registrare pensieri, dati. calcoli, ecc.

Storia della carta: riassunto

FABBRICAZIONE DELLA CARTA

La scoperta del procedimento per la fabbricazione della carta pare vada attribuita al cinese Ts'ai Lun intorno al 105 a.C. Egli pensò di utilizzare ritagli di seta riducendoli in pasta e mescolandoli con acqua, tramite battitura; quindi questa pasta acquosa veniva filtrata con stuoie di bambù, ottenendo fogli di una certa consistenza che venivano posti al sole ad asciugare. In seguito la carta fu realizzata usando il libro del gelso e di altri vegetali. le fettucce ottenute, una volta raschiata la corteccia, erano cotte con acqua e calce: si aveva cosi una pasta che, dopo il lavaggio in acqua, veniva sottoposta a battitura per separare bene le fibre. La pasta, fortemente diluita, veniva introdotta in un tino dove s'immergeva una specie di straccio sul quale si depositavano le fibre; il foglio veniva poi pressato, staccato e asciugato all'aria. Molto più tardi, verso il Mille, si cominciò ad usare anche la canna di bambù.
Successivamente tale scoperta venne diffusa presso gli Arabi e, attraverso i contatti che questi ebbero nelle penisola iberica, si spostò presso le popolazioni europee.

Le origini della carta: ricerca

LA CARTA RICERCA DI TECNOLOGIA

In un primo periodo veniva fabbricata dagli arabi secondo tecniche importate direttamente dall'estremo oriente; in un secondo tempo cominciarono a prevalere tecniche di derivazione italiana; in un terzo momento si affermò definitivamente la tecnica di fabbricazione di Fabriano. È possibile che, fin dalla seconda metà del XIII sec. a Fabriano si facesse già commercio di carta Altri importanti centri di fabbricazione erano Genova, Padova e Venezia. La tecnica fabrianese, che consisteva in un perfezionamento di quella araba, era basata sull'uso del maglio con il quale gli stracci venivano ridotti a fibra. Venne inoltre introdotta la collatura con gelatina animale che eliminò l'insorgere di microrganismi distruttori che, fino a quel momento, avevano impedito la generalizzazione dell'uso della carta a causa del suo deterioramento. Pure fabrianese è la prima scoperta della filigrana.
Nei secoli successivi le cartiere aumentarono ma a tecnica di produzione restò praticamente immutata fino ai primi del 1800, quando si utilizzò una nuova macchina per la produzione della pasta a fibre triturate (Olandese) ed una per la produzione di fogli di lunghezza illimitata (macchina continua).

Carta e riciclaggio: tesina

COME SI PRODUCE LA CARTA

Produzione della carta. La materia prima per la produzione della carta è fornita dal mondo vegetale. Essa infatti è essenzialmente costituita da cellulosa, principale componente delle piante. Non tutte le piante però ne contengono in quantità tale da renderne vantaggiosa l'estrazione, per cui solo alcune sono idonee a fornire cellulosa. La carta di migliore qualità è ottenuta da stracci di fibre vegetali come il cotone, il lino, la canapa (pasta+straccio). Essendo questo tipo di materia prima particolarmente costoso, si è pensato di ottenere cellulosa da alberi di legno tenero come il pioppo, il pino, l'abete, la betulla, per mezzo di trattamenti chimici (pasta chimica). Si può ottenere carta di qualità meno pregiata anche dalla pasta-legno o dalla pasta-carta, detta, quest'ultima, anche pasta-cartaccia. La prima si ottiene sfibrando, ossia riducendo in piccoli pezzi le fibre di legno.

L'espansione islamica in Europa tra Medioevo e prima età moderna