Animali in Umbria

Appunto inviato da argibaldo
/5

Relazione su alcuni animali della fauna umbra. (file.doc, 6 pag) (0 pagine formato doc)

Cinghiale CINGHIALE Sus scrofa Regno: Animali Tipo \ Phylum: Vertebrati Classe: Mammifero Ordine: Famiglia: Suidi Genere: Sus Specie: scrofa Alimentazione: Il Cinghiale è un animale onnivoro, si nutre principalmente di radici, tuberi, ghiande, insetti e larve che trova nel terreno, talvolta nella sua alimentazione possono rientrare rettili e piccoli volatili che nidificano a terra.
È molto frequente che la loro attività di scavatori li porti a distruggere anche piantagioni limitrofe al bosco. Caratteristiche Fisiche: Il Cinghiale è lungo 1-1,5 metri e può arrivare agli 80 centimetri di altezza, anche se la femmina è più piccola. Ha una coda lunga 12-20 centimetri massimo e il suo peso si aggira intorno ai 180 chilogrammi.
Ha orecchie grandi e occhi piuttosto piccoli, il viso è allungata e termina con il grifo. Non ci vede particolarmente bene ma sia l'udito che l'olfatto sono molto affinati. Riproduzione: La femmina può partorire fino ai 12 piccoli, che svezza dopo due o tre mesi di allattamento e al 10-16 mese raggiungono la maturità sessuale. CIVETTA Athene noctua Regno: Animali Tipo \ Phylum: Vertebrati Classe: Uccelli Ordine: Strigiformi Famiglia: Strigridi Genere: Athene Specie: noctua Caratteristiche Fisiche: La Civetta è un rapace notturno, il suo manto di piume ha un colore prevalentemente scuro sul dorso, sono presenti anche macchie e strisce bianche. Invece il piumaggio si presenterà chiaro con macchie e strisce scure sulla parte inferiore. L'animale è grande circa 20 centimetri, ha un capo grande e appiattito, gli occhi sono gialli fosforescenti. Ha un tipico becco adunco, di un colore giallo-verde. Una caratteristica è che ha le zampe ricoperte dal piumaggio. Riproduzione: La civetta predilige le cavità dei tronche per riprodursi, qui la madre depone le uova, che si schiuderanno progressivamente una dopo l'altra. Le uova sono di un colore bianco e arrotondate. I piccoli appena nati non somigliano all'adulto ma dovranno passare due mute di piume prima che spuntino le vere penne. Entrambi i genitori nutrono la prole. I piccoli lasceranno per la prima volta il nido a 4-5 settimane dalla loro nascita e a 7 settimane saranno in grado di volare. GHIRO Glis glis Regno: Animali Tipo \ Phylum: Vertebrati Classe: Mammifero Ordine: Roditori Sottordine: Miomorfi Famiglia: Gliridi Genere: Glis Specie: Glis Alimentazione: La sua dieta è composta in gran parte di frutta e bacche, ma si nutre anche di insetti e uova. La sua attività alimentare si intensifica nel periodo prima del letargo. Il suo peso è di 140-170g da adulto, prima del letargo può superare i 300g, anche se nel successivo periodo di riposo perde quasi la metà del suo peso. Caratteristiche Fisiche: Il ghiro è lungo dai 15 ai 17 centimetri e la sua coda può raggiungere i 13-17 centimetri. La pelliccia del Ghiro è grigio-cenere sul dorso, mentre sul ventre prende una colorazione bianco-latte. La coda è anch'essa composta da due colorazioni: grigio-marrone sul dorso, chiara sulla parte in