Tema storico: Federico II di Svevia

Appunto inviato da micinacarina
/5

Tema storico sul grande monarca Federico II di Svevia, poi rinominato lo "stupor mundi" per lo sfarzo e la bellezza del suo regno (2 pagine formato doc)

TEMA STORICO FEDERICO II DI SVEVIA

Federico II di Svevia: un grande uomo.
   Il 26 dicembre del 1194 nasce a Jesi, nelle Marche, Federico Ruggero così chiamato in onore dei due nonni, materno e paterno, poi rinominato lo stupor mundi  “meraviglia delle genti”.


   Federico II è ricordato come un monarca severo  ma anche giusto a cui piaceva vivere nello sfarzo, circondato da belle donne -con le quali non aveva difficoltà a crearsi delle avventure nonostante il suo aspetto-  con un amore per la caccia con il falcone ma anche per le arti e la cultura in generale, un intellettuale, un razionalista, un libero pensatore.
   L’epiteto che gli è stato attribuito “stupor mundi” è dovuto alla sua gloriosa fama, sia sulle sue terre che nel resto del mondo.
Federico II eletto imperatore nel 1220, si trovò a dover governare i due regni tramandatigli dai genitori: l’impero germanico e la monarchia normanna del Mediterraneo.

Tema su Federico II di Svevia

STORIA FEDERICO II

Fu proprio a quest’ultima che volse la maggior parte delle sue attenzioni e alla quale sin da ragazzo aprì il suo cuore. Proprio nel regno di Sicilia infatti nacquero per volere di Federico illustri istituzioni di cui forse la più importante e celebrata la così detta “scuola poetica siciliana” che vantava poeti come Giacomo da Lentini e Pier delle Vigne.
Un'altra importante opera fu la fondazione dell’Università di Napoli che fu il primo caso di università né libera, né spontanea, né sostenuta dalla Chiesa, ma voluta e protetta dallo Stato.
   Come già anticipato Federico fu un monarca severo, egli ridusse fortemente i privilegi della nobiltà e del clero e accentrò tutti i poteri nelle mani dello Stato che poi si identificava con lui. Alla base del suo successo vi era un apparato burocratico alle dipendenze della corona i cui componenti venivano selezionati in base ai meriti e alle capacità a prescindere dalla razza o dalla religione.

Politica di Federico 2: riassunto

POLITICA DI FEDERICO 2

Ma l’aspetto più interessante della vita e della storia di Federico II rimane comunque quello umanistico, secondo il mio parere, o per lo meno quello che mi ha colpito di più di questo magnifico sovrano, anzi di questo magnifico uomo, è stato il suo amore per la vita. Penso infatti che circondarsi di allegria, bellezza, sfarzo voglia dire essere innamorati della vita cosa che al contrario di quanto sembra avrebbe dovuto essere piuttosto difficile per lui se consideriamo che Federico non era -e non è- certo famoso per la sua bellezza. Basso di statura, dai capelli rossi per quelli che aveva, visto che a poco più di trent’anni era già un po’ calvo e miope per giunta, difetto che gli causò dei problemi nel praticare il suo sport preferito, la caccia con il falcone. Invece tutte queste “spiacevolezze” non gli hanno impedito a quanto pare di diventare un grande, anzi grandissimo sovrano e di vivere come ogni uomo vorrebbe vivere.
Per fare sentire ai suoi sudditi la sua presenza utilizzava lo stesso stile sfarzoso quasi teatrale che tanto amava avere attorno a sè: organizzava feste, spettacoli, cerimonie e soprattutto cortei particolarmente scenografici durante i quali al suo seguito sfilavano animali feroci, animali da caccia o esotici come pantere o elefanti, custoditi da saraceni o etiopi, e ancora dromedari, cammelli, pavoni bianchi e naturalmente falchi.