Felicità e conoscenza

Appunto inviato da matpars
/5

L'appunto è lo svolgimento della tematica: "meglio la felicità o la conoscenza?". (2 pg. file.doc) (0 pagine formato doc)

Se la felicità dipendesse solo dal grado di conoscenza che una persona ha, poche sarebbero quelle veramente felici.
Il Bramino di Voltaire capì di non essere felice trovando, nella vita di tutti i giorni, quesiti ai quali non sapeva rispondere, perché credeva di non avere una conoscenza assoluta. La vecchia, sua vicina di casa, pur non sapendo niente, non essendo saggia, paradossalmente era felice, perché non sapeva di non sapere, e per questo stava in pace con sé stessa. Ella era sì felice, ma non era saggia, non possedeva la conoscenza. Il Bramino invece non era felice, ma saggio, talmente saggio da ricercare sempre la conoscenza e per questo infelice. Cosa è meglio: una persona felice che non ha conoscenza o una infelice, ma saggia? La beata ignoranza dei bambini che ridono o piangono o la continua ricerca di conoscenza degli adulti? Nel corso dei secoli sono state formulate varie opinioni in proposito da parte di molti filosofi, secondo le quali tutti affermano che è meglio essere infelici, piuttosto che essere felici e vivere nell'ignoranza.
Felicità per me realizzare me stesso nel rispetto degli altri non nell'avere ma nell'essere in un continuo quindi processo di maturazione, di conoscenza, di consapevolezza che induce a vivere e a trascorrere i giorni e i mesi e gli anni, non lasciando che il mondo attorno trascini me stesso con sé come una nullità, come un oggetto, preferendo una continua ricerca del sapere anche nelle piccole cose. La felicità può essere data dalla scoperta di una legge matematica, nata da una precedente conoscenza perché questo appaga quel bisogno di progresso che si trova dentro di noi. Nel Medioevo si diceva che la sapienza non era altro che una ricapitolazione, affermando così di aver raggiunto il massimo sapere, non ricercando un progresso e quindi una felicità maggiore. Avere una conoscenza parziale però lascia una questione dietro di sé: una persona che sa, parzialmente è felice per ciò che sa o infelice per ciò che non sa? Questo dipende dalla visione del vita che uno ha, come vede il bicchiere: se mezzo vuoto o mezzo pieno. Io, personalmente ritengo di essere felice di ciò che so, non sentendomi infelice per ciò che invece non so in quanto la curiosità, la vivacità, il, bisogno continuo di risposte penso sia alla base della conoscenza, per questo cerco sempre delle spiegazioni razionali per tutti gli avvenimenti che avvengono nella mia vita. Nella società di oggi la parola conoscenza, molte volte è sinonimo di progresso. Il fatto di sapere tante cose e di ricercare quello che non si sa, può portare ad uno scontro tra felicità e conoscenza.Per esempio scoprire la clonazione ha voluto dire acquisire sapere, essere più felici in quanto si vive in un mondo migliore da una parte, ma dall'altra violare i diritti del genere umano, rendendo infelici quelle persone nate come cloni alle quali spetterà una vita peggiore, nate non per l'amore, ma per la necessità e la volontà di qualcuno, il quale potrà acquistare felicit