Fratelli d'Italia!

Appunto inviato da quartex
/5

Tema sull'utilità dell'inno italiano, e sul suo attuale significato. ( 2 pag - formato word) (0 pagine formato doc)

Inno di Mameli (Fratelli d'Italia) Inno di Mameli (Fratelli d'Italia) Nel periodo immediatamente precedente all'unità d'Italia si diffuse una corrente patriottica romantica, caratterizzata da una , nata per diffondere gli ideali dell'Italia unita nei circoli di letterati, negli ambienti borghesi, ma soprattutto tra i lavoratori.
Altra caratteristica di questa corrente secondaria e di breve durata fu la vaghezza delle linee di pensiero, incerte e confuse, generiche; infatti i patrioti stessi, per quanto tutti anelanti ad un'Italia unita, non erano concordi tra loro sui metodi secondo i quali si doveva realizzare quest'unità, e soprattutto non sapevano a quanto potevano effettivamente ambire, ed in quali limiti di tempo (espressione di questo saranno i moti del 1848, dal carattere non univoco). Il mezzo più adatto per divulgare questo tipo di ideali ad un pubblico così ampio risultò essere la musica, campo nel quale si espresse (G.
Petronio) di musicisti del calibro di Verdi e Rossini, e di intellettuali mazziniani come Giuseppe Mameli, il quale scrisse e cantò in pubblico nel 1847 quello che dal 1946 è il nostro inno nazionale, “Fratelli d'Italia”. Questo testo risulta interessante, sia dal punto di vista contenutistico che da quello lessicale, in quanto fa da perfetto “sample” a questa corrente. Il lessico del testo si caratterizza come arcaizzante, infatti troviamo parole quali “coorte” e “speme”, che conferiscono al testo un'aura di antichità, di misteriosità. La scelta di tali vocaboli è oculata: infatti con questa adozione l'autore sottolinea ancora di più l'obiettivo patriottico, rimandando il lettore, anzi in questo caso l'ascoltatore, al passato, al tempo in cui l'Italia era unita sotto un unico potere: quello imperiale romano (coorte deriva da cohors, latino). Il testo è formato da 5 strofe di 8 versi (dei quali i primi 7 sono senari, a differenza dell'ultimo, che è un quinario) rimati ABCADEEF. Ognuna delle strofe è alternata ad un ritornello di 3 versi (dei quali i primi due sono senari, mentre l'ultimo, come nelle strofe, è un quinario) rimati AAB. Questo tipo di schema metrico, unito ad un motivo musicale che tende a scandire assai bene le parole ed a insistere sugli accenti, da enfasi, incisività e “carica” ad un testo che presenta invece le tipiche caratteristiche dei testi del patriottismo romantico (incertezza, vaghezza, genericità) ottenendo un canto patriottico sicuramente convincente, adattissimo a scaldare i cuori delle milizie provvisorie della Repubblica Romana, allestite velocemente ed approssimativamente dal governo mazziniano provvisorio onde tentare di difendere Roma, faticosamente conquistata, dal prossimo arrivo dell'esercito francese, che da sempre appoggiava il Santo Padre e il suo potere temporale, distrutto con l'instaurarsi della Repubblica Romana. Di fatto la Repubblica Romana sopravvisse pochi mesi, ma la marcetta “Fratelli d'Italia” venne