Haendel Georg Friedrich (1685 - 1759)

Appunto inviato da luca89
/5

Breve ricerca sul compositore tedesco. (1 pg - formato word) (0 pagine formato doc)

Tonetti Giovanni Ricerca Haendel Haendel (Georg Friedrich), è un compositore tedesco, naturalizzato inglese nel 1726 (Halle, Sassonia, 1685 - Londra 1759).
Nel 1703 si trasferì ad Amburgo, dove fu assunto come secondo violino nell'orchestra dell'opera, diretta da Keiser. Ad Amburgo fece eseguire nel 1704 la Passione secondo Giovanni e l'anno successivo le sue prime opere: Almira e Nero. Alla fine del 1706 lasciò Amburgo per compiere un viaggio in Italia. A Napoli si segnalò come insigne organista e come compositore di melodrammi, di pezzi cameristici (tra cui la celebre cantata Lucrezia) e sacri (Il trionfo del tempo e del disinganno [1707] e La Resurrezione [1708]). La sua opera Agrippina, rappresentata a Venezia nel 1709, ottenne un successo strepitoso.
Soggiornò poi a lungo a Londra dove presentò l'opera Rinaldo (1711). Durante un breve soggiorno ad Halle, Haendel scrisse il suo ultimo oratorio in lingua tedesca, una Passione, su testo di Brockes. Alla piena maturità artistica, risalgono gli undici Chandos Anthems, tre Te Deum, Aci e Galatea, la prima versione dell'oratorio Esther e le otto Suites per clavicembalo. Scrisse poi una serie di mirabili melodrammi (Ottone, 1723; Giulio Cesare e Tamerlano, 1724; Rodelinda, 1726; Admeto, 1728). La prima esecuzione del suo capolavoro, Il Messia, preceduto dai grandi oratori Saul e Israele in Egitto (1739), avvenne a Dublino nel 1742. L'Occasional Oratorio e il Giuda Maccabeo, oratori patriottici composti per celebrare la vittoria di Culloden, riconquistarono finalmente al maestro sassone la più grande stima. La produzione di Haendel è costituita da oltre quaranta opere teatrali, centosessantasei tra duetti, trii, cantate e arie a voce sola, cinquantatré tra sonate e trii per strumenti diversi, salmi mottetti, quattro Te Deum, diciotto Anthems e un Funeral Anthem per la morte della regina Carolina Guglielmina (1737), numerose raccolte di suites e funghe per clavicembalo, venti concerti per organo, un concerto per due organi e orchestra, trantuno concerti grossi per orchestra e undici grandi cantate profane, due passioni e ventuno oratori. Haendel è, con J. S. Bach, l'ultimo grande esponente dello stile musicale barocco europeo.