Inquinamento elettromagnetico: cos'è e rimedi

Appunto inviato da
/5

Ricerca-intervista sul tema dell'inquinamento elettromagnetico: cos'è, cause, conseguenze e rimedi (6 pagine formato doc)

INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO: COS'E' E RIMEDI

"L'inquinamento elettromagnetico".

Sommario:
•    Si spiega in cosa consiste l'inquinamento elettromagnetico e si prosegue illustrando i rischi dell'esposizione ad un campo elettromagnetico.
•    L'intervistato spiega in che modo si può intervenire per eliminare i rischi di campi elettromagnetici riadattando, per esempio, gli impianti elettrici già esistenti.
•    Esiste, a livello europeo e mondiale, una normativa che considera il "principio precauzionale" rispetto ai rischi provocati dai campi elettromagnetici ed in alcuni paesi europei, come anche negli Stati Uniti si stanno svolgendo delle ricerche rispetto all'inquinamento elettromagnetico.
•    L'intervistato illustra i rischi di inquinamento elettromagnetico provocati dalla telefonia cellulare, nonostante ciò, la telefonia cellulare è in espansione, anche se la più grande azienda produttrice di telefoni cellulari si sta preoccupando di svolgere delle indagini sulla pericolosità dell'apparecchio.
•    L'intervistato spiega come ci si può difendere da una esposizione prolungata davanti al monitor di un computer e da altri elettrodomestici, come la televisione.
•    Spiega, inoltre, in cosa consiste il "decreto Ronchi" in materia di riciclaggio del materiale con cui è composto un computer.
•    Si conclude offrendo consigli pratici di difesa dall'inquinamento elettromagnetico.

Inquinamento dell'aria e cambiamenti climatici

INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO COS'E'

Domanda 1 - In cosa consiste, esattamente, l'inquinamento elettromagnetico?
Risposta: Quando si parla di inquinamento, generalmente ci si riferisce a sostanze già presenti in natura che, però, a causa dell'attività dell'uomo, aumentano sino ad alterare completamente tutti gli equilibri naturali. Mi spiego con un esempio che tutti comprendono: quando parliamo di inquinamento nelle città ci riferiamo alla presenza di anidride carbonica; l'anidride carbonica esiste in natura, soltanto che l'uomo ne produce in eccesso! L'elettricità è uno degli elementi che esiste in natura e che, dal dopoguerra in avanti, è fortemente aumentata sul nostro pianeta a causa, soprattutto, degli elettrodotti e degli impianti di trasmissione radio e televisiva.

INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO, CONSEGUENZE

Domanda 2 - Quali sono i danni fisici, per l'uomo, che provoca l'esposizione ad un campo elettromagnetico?
Risposta: Bisognerebbe partire dal fatto che l'uomo è una macchina elettrochimica e, in quanto tale è in equilibrio con un certo tipo di magnetismo, di elettricità esistente nel pianeta; a causa delle nuove scoperte tecnologiche, però, questa macchina elettrochimica che si è adattata nel corso dei millenni, oggi si trova esposta a ben altra elettricità, che viene emessa dai campi elettromagnetici, dai tralicci di trasmissione elettrica; ciò, se si considerano le basse frequenze che provengono dagli impianti di trasmissione radio e televisiva.

In questo caso si parla, come conseguenze, soprattutto di problemi tumorali e di leucemia. Molte ricerche svolte in Danimarca, in Svezia, negli Stati Uniti, dimostrano che l'incidenza di rischio che si riscontra per le basse frequenze, si potrebbe avere anche per le alte frequenze. Il problema è che abbiamo a che fare con malattie che si sono attestate nel corso di decenni, ed è perciò difficile riuscire a capire oggi quello che può succedere da qui a dieci anni. Quando si incominciò a sospettare che l'amianto fosse cancerogeno era oltre venti anni fa; dunque, ci sono voluti venti anni per mettere al bando l'amianto!

INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO, RIMEDI

Domanda 3 - Come si possono eliminare i campi elettromagnetici eventualmente dannosi?
Risposta: La questione è un poco complicata. Sicuramente si possono togliere i campi elettromagnetici derivanti dagli elettrodotti a bassa e media frequenza, che potrebbero essere interrati. Un po' più difficile, invece, è intervenire sulle antenne, sia televisive che radiofoniche; sarebbe importante concentrarle, tenendole tutte assieme, non disperdendole; più difficile ancora è intervenire sulla telefonia cellulare per come oggi è strutturata: bisognerebbe evitare, quantomeno, che le antenne venissero messe su palazzi di persone particolarmente esposte, come ad esempio nelle scuole, o in palazzi in vicinanza delle scuole. Ma esistono anche campi elettromagnetici forse meno pesanti, che, però, sommati a questi altri che ho elencato, possono dare dei problemi; penso, ad esempio, ai campi elettromagnetici che derivano dagli elettrodomestici che tutti noi abbiamo in casa: bisognerebbe tentare di avere meno elettrodomestici possibile nelle stanze in cui maggiormente viviamo.
Domanda 4 - E' possibile riadattare impianti elettrici già esistenti per ridurne l'impatto ambientale?
Risposta: E' possibile riadattare gli impianti elettrici già esistenti, tentando di schermarli il più possibile; abbiamo detto prima che, nel caso degli elettrodotti, basterebbe interrarli; oggi esistono tecnologie per cui gli impianti possono essere ben schermati, e l'inquinamento trasmesso sull'uomo verrebbe fortemente ridotto.