Il muscolo cardiaco

Appunto inviato da dadaanto
/5

Breve descrizione per il corso di Biologia del liceo scientifico, sul cuore e la contrazione cardiaca. (file.doc, 2 pag) (0 pagine formato doc)

Untitled E' un organo cavo contrattile posto quasi al centro della cavità toracica.
Il cuore è costituito da un tessuto muscolare caratteristico, il muscolo cardiaco o MIOCARDIO, ed è rivestito da una membrana interna, detta ENDOCARDIO, e da una membrana protettiva esterna detta PERICARDIO. Le fibre miocardiche sono formate da tessuto muscolare striato. Internamente il cuore è suddiviso da un setto verticale in due parti: una destra e una sinistra. Ogni parte è suddivisa da un divisorio orizzontale in altre due cavità: l'ATRIO o ORECCHIETTA superiormente e il VENTRICOLO inferiormente. Ogni atrio comunica con il sottostante ventricolo attraverso una valvola (TRICUSPIDE nel lato destro, BICUSPIDE o MITRALE nel lato sinistro).
I vasi sanguigni che partono dai ventricoli sono definiti ARTERIE, mentre quelli che riportano il sangue agli atri sono chiamati VENE. Il sangue che circola nel sistema arterioso si distribuisce in canali sempre + piccoli, che costituiscono le ARTERIOLe e i VASI CAPILLARI ARTERIOSI. Questi ultimi sono delimitati da un solo strato cellulare chiamato ENDOTELIO. I CAPILLARI VENOSI confluiscono nelle VENULE, che si inseriscono nelle VENE. Attraverso le vene il sangue ritorna al cuore. Nell'atrio destro sbucano due grosse vene: la VENA CAVA SUPERIORE e la VENA CAVA INFERIORE. Dall'atrio destro, quando la valvola tricuspide è aperta, il sangue deossigenato passa nel ventricolo destro. La contrazione di quest'ultimo spinge il sangue nell'arteria polmonare, che si dirama in due tronconi i quali si dirigono verso i polmoni. Il sangue ossigenato ritorna al cuore attraverso le vene polmonari che confluiscono nell'atrio sinistro. Da qui il sangue passa nel sottostante ventricolo. In seguito alla contrazione del ventricolo sinistro il sangue viene convogliato nel + grosso vaso sanguigno del corpo, l'AORTA. Per mezzo della rete capillare il sangue attraversa tutto il corpo, passa poi nel sistema venoso e viene riportato all'atrio destro. Ps: il cuore è ossigenato da vene e arterie coronarie. La stimolazione delle cellule del muscolo cardiaco si origina nel muscolo stesso. Questa proprietà dipende da gruppi di fibre miocardiche che sono in grado di contrarsi autonomamente e aritmicamente. La contrazione del muscolo cardiaco ha origine nel nodo seno-atriale, un ammasso di fibre poste nell'atrio destro. Lo stimolo si propaga dapprima alle fibre dei due atrii, passa poi al NODO ATRIO-VENTRICOLARE, un gruppo di fibre collocate tra gli atrii e i ventricoli. Successivamente l'impulso si propaga alle fibre del FASCIO DI HIS (fibre disposte nel setto interventricolare che si diramano a raggiera dall'apice del cuore verso il miocardio ventricolare), arrivando all'apice del cuore. Da qui lo stimolo invade tutto il miocardio ventricolare. Le fasi di contrazione e di rilasciamento sono definite rispettivamente SISTOLE e DIASTOLE. I due atrii si riempiono di sangue quando sono in diastole. La successiva contrazione spinge il sangue nei sottostanti ventr