Quarzo: proprietà, caratteristiche, tipi e utilizzo

Appunto inviato da boby86
/5

Quarzo: proprietà, caratteristiche, tipi e utilizzo del minerale (3 pagine formato doc)

QUARZO: PROPRIETA', CARATTERISTICHE, TIPI E UTILIZZO

Il quarzo e un minerale costituito da biossido di silicio, o silice, di formula SiO2.

Diffuso in tutto il mondo, sia all'interno di vari tipi di rocce, sia in forma di depositi puri, il quarzo è un componente essenziale di rocce ignee contenenti un eccesso di silice, come il granito, la riolite e le pegmatiti. È pure tra i componenti principali di rocce metamorfiche; in rocce sedimentarie, come i calcari o l'arenaria, forma invece vene e noduli in cui spesso si trova associato a quantità apprezzabili di metalli preziosi.

Ricerca sul minerale uranio

QUARZO: CARATTERISTICHE

Caratteristiche:
Durezza: 7 (fragile)
Striscia: bianca
Colore: bianco, grigio, bruno, nero, viola, verdastro, bluastro, giallo, rosa
Trasparenza: trasparente, translucido, non trasparente
Lucentezza: vitrea, grassa
Sfaldatura: imperfetta
Densità: 2,65
Sistema cristallino: trigonale sotto i 573°C, esagonale tra 573 e 870°C

Minerali e rocce: elenco e riassunto

QUARZO: PROPRIETA'

Proprietà. Il quarzo solidifica nel sistema trigonale, uno dei sette sistemi cristallini, e la dimensione dei cristalli varia da quella di campioni del peso di una tonnellata a quella delle minuscole particelle che brillano sulle superfici di frattura delle rocce.

Il minerale ha durezza 7, densità 2,65 e lucentezza in alcuni casi vetrosa, in altri grassa o splendente. Si trovano campioni trasparenti o traslucidi, variamente colorati a causa della presenza di impurità o inclusioni.
I cristalli di quarzo mostrano un'elevata piezoelettricità: producono cioè elettricità se sottoposti a pressione lungo alcune direzioni, inoltre, il quarzo, ha anche la proprietà ottica di far ruotare il piano della luce polarizzata, una luce che si diffonde con vibrazioni contenute su un determinato piano, ed è pertanto usato nei microscopi polarizzatori.
I cristalli di quarzo subiscono trasformazioni strutturali quando sono sottoposti a cambiamenti di temperatura: al di sopra dei 573 °C il quarzo ordinario, o quarzo alfa, si trasforma in quarzo beta, un minerale con struttura cristallina e proprietà fisiche differenti, che ritorna comunque nella modificazione alfa se viene raffreddato. Il quarzo esiste nella forma tridimite tra gli 870 °C e i 1470 °C, mentre al di sopra di questa temperatura è stabile una forma che prende il nome di cristobalite. A circa 1710 °C, il minerale fonde.

Minerali e rocce: riassunto e caratteristiche

TIPI DI QUARZO

Varietà. Le tante varietà di quarzo possono essere distinte in macrocristalline, cristalline e microcristalline. Le varietà macrocristalline presentano spesso caratteristiche simili, come la lucentezza, a quelle del minerale puro, tra queste troviamo l’ametista, il quarzo affumicato, il quarzo rosa e il cristallo di rocca.
CRISTALLO DI ROCCA
Il cosiddetto "cristallo di rocca" è una varietà incolore di quarzo, che si trova di solito in cristalli distinti.
QUARZO ROSA
Il quarzo rosa si presenta anch'esso in grossi cristalli, ma privi di abito cristallino ben definito, e presenta una caratteristica colorazione rosa che spesso tende a sbiadire in seguito a esposizione alla luce.
QUARZO AFFUMICATO
Questa varietà di quarzo si distingue dal quarzo puro per la sua colorazione scura. Queste tonalità brune sono dovute alla radioattività naturale del terreno.
QUARZO AMETISTA
Varietà di quarzo, che si distingue dal quarzo comune e dal cristallo di rocca per il caratteristico colore violetto, causato dalla presenza di composti di ferro o manganese. I campioni più belli provengono dall'India, dallo Sri Lanka e dal Brasile, ma il minerale è piuttosto comune anche in Europa.

Nelle varietà cristalline di quarzo sono spesso presenti inclusioni di altri minerali: ad esempio il quarzo rutilato contiene fini aghi di rutilo, e l'avventurina è una varietà contenente scaglie brillanti di ematite o mica. Sono possibili pure minute inclusioni liquide o gassose, come nel caso del quarzo latteo.

Le varietà criptocristalline di quarzo vengono divise in due classi generali, fibrose e granulari; le prime, che comprendono agata, corniola, eliotropio, onice e crisoprasio, sono tutte forme di calcedonio, mentre le seconde comprendono selce, diaspro e prasio.

Tutto sulla radioattività