Etruschi: origini e storia

Appunto inviato da fedfra
/5

Riassunto sugli Etruschi: origini della civiltà etrusca dell'antica Italia e la sua storia (5 pagine formato doc)

ETRUSCHI: ORIGINI E STORIA

Gli Etruschi Le origini.

I Popolazione dell'Italia antica che fiorì nell'area corrispondente all'odierna Toscana e in alcune regioni del nord e del Sud della penisola tra il IX e il IV secolo a.C., raggiungendo la sua massima espansione tra il VII e il V secolo a.C. Nella loro lingua si chiamavano Rasena o Rasne, in greco Tyrrenoi; i romani chiamavano gli etruschi etrusci o tusci, nome dal quale deriva quello dell'odierna Toscana. Le origini degli etruschi rimangono oscure; già nell'antichità esistevano diverse ipotesi in merito: lo storico greco Erodoto asseriva che provenissero dalla Lidia, regione dell'Asia Minore occidentale e a favore di questa tesi stanno una stele commemorativa egizia del XIII sec.
e la lingua da loro parlata.

L'impero romano: riassunto

CIVILTA' ETRUSCA: RIASSUNTO

La stele, che ricorda la battaglia del faraone Ramesse II contro i popoli di mare, diche che tra questi ve ne era uno chiamato teresh o tutsha, nomi che sono stati messi in relazione con il termine “etruschi”. Gli Etruschi inoltre non parlavano una lingua della famiglia indoerupea, e questo ha fatto pensare a una loro origine diversa da quella di altri popoli italici. Questa ipotesi venne accolta in seguito sia da Livio sia da Polibio;
Dionigi di Alicarnasso, invece, sosteneva che gli etruschi fossero una popolazione indigena dell'Italia, erede di altri popoli fioriti nella penisola italiana in epoche precedenti; sarebbero stati quindi autoctoni, cioè nati dalla terra in cui risiedevono; a sostegno di questa tesi vi è il fatto che gli Etruschi chiamavano se stessi rasenna, un nome che fa pensare a quello dei raeti, una popolazione alpina sicuramente autoctona. Gli studiosi moderni hanno valorizzato entrambe le tradizioni ed hanno gettato una nuova luce sulla più antica storia etrusca.

Architettura etrusca: riassunto

ETRUSCHI RELIGIONE

Probabilmente c'è del vero in ognuna nel senso che dall'Asia Minore si effettuò un'immigrazione in Toscana di gruppi isolati, apportatori di una civiltà evoluta, attratti dalle ricche miniere della regione, e questo spiegherebbe l'improvviso esplodere della civiltà etrusca tra il secolo VIII e il VII a.C. e le molte affinità che si rilevano nei costumi, nella lingua, nell'arte e nella religione degli Etruschi con il mondo egeo-anatolico.

L'espansione romana: le tappe

ORIGINE AUTOCTONA DEGLI ETRUSCHI

In Toscana tali gruppi si sovrapposero, sfruttandone, valorizzandone, stimolandone le energie latenti, sugli elementi, che conoscitori del ferro, vi erano giunti dal Nord o dall'opposta sponda adriatica verso il 1000 ca. a.C., sovrapponendosi a loro volta agli abitanti insediati nella regione fin dall'età neolitica. Gli Etruschi quindi possono essere risultati dalla fusione di tre componenti etniche, quella orientale, quella nordica, quella autoctona, cioè costituirono un popolo del tutto nuovo.