Richard Wagner: biografia e composizioni

Appunto inviato da spneed
/5

Biografia, composizioni e opere del compositore tedesco Richard Wagner (4 pagine formato doc)

RICHARD WAGNER: BIOGRAFIA

Richard Wagner.

Temperamento tipicamente romantico, insegue per tutta la vita l’ideale di un totale rinnovamento dell’opera d’arte, contribuendo di conseguenza al cambiamento del linguaggio musicale. A differenza della maggior parte dei grandi compositori dell’‘800, Richard Wagner (22 maggio 1813, Lipsia, Germania - 13 febbraio 1883, Venezia) non proviene da una famiglia di musicisti, né rivela un precoce talento. Il padre è un modesto funzionario di polizia e muore quando Richard, ultimo di nove figli, ha solo sei mesi.
La madre si risposa pochissimi mesi dopo con Ludwig Geyer (un amico di famiglia) e la circostanza aprirà in seguito su chi sia il vero padre di Wagner una disputa tuttora insoluta: la moglie Cosima negherà ogni voce circa una paternità illegittima, mentre Nietzsche (che sarà per qualche tempo suo amico devoto) racconterà che lo stesso Wagner gli avrebbe direttamente confermato di essere figlio di Geyer. Comunque sia, sta di fatto che Geyer si prende molto a cuore l’educazione del piccolo Richard, che cresce costantemente coccolato e spesso viziato dalla madre e dal patrigno.

Il melodramma e Wagner

RICHARD WAGNER: OPERE

Nel 1821, alla morte di quest’ultimo il giovane Wagner viene messo in collegio a Dresda, dove studia in modo disordinato ma appassionato, dedicandosi soprattutto al greco e, in seguito, all’inglese per poter leggere in originale l’amato Shakespeare.
Disordinato e appassionato, del resto, Wagner lo sarà sempre: è uno dei più tipici esempi di artista «sregolato ed eccessivo» che tende a identificare e fondere arte e vita e a condurre la propria esistenza seguendo solamente i propri impulsi. Negli anni del liceo si appassiona più che alla musica alla letteratura, divorando le opere dei romantici e scrivendo anche un truculento dramma gotico con infinite uccisioni e risurrezioni di fantasmi.
Comincia a manifestarsi la passione per il pentagramma, tanto che nel 1831 si iscrive come studente di musica all’università di Lipsia dove, tuttavia, si dedica più a una vita disordinata e gaudente che agli studi. La sua vocazione musicale comincia a maturare quando inizia a prendere lezioni di teoria e contrappunto da Christian Theodor Weinling, Kantor della ThomasKirche, e in poco tempo compone i suoi primi lavori.

RICHARD WAGNER: RIASSUNTO

La formazione musicale di Wagner, in realtà, è piuttosto superficiale e affrettata. Ma proprio questa circostanza è, verosimilmente, uno dei fattori della sua grandezza, perché permette al suo estro geniale di esprimersi più facilmente al di fuori di ogni schema tradizionale e precostituito, anche se le sue composizioni di questo periodo sono di tipo assolutamente convenzionale.
Trascorre l’estate presso un fratello, a Würzburg, dove ottiene un posto come direttore di coro e compone la sua prima opera, Die Feen (Le fate), scritta tra il 1833 e il 1834 secondo lo stile in voga all’epoca.

RICHARD WAGNER: VITA

Continua nel frattempo a condurre una vita scapigliata, accostandosi fra l’altro agli ambienti della «Nuova Germania», un movimento patriottico rivoluzionario.
Nel 1835 porta a termine la sua seconda opera, Das Liebesverbot oder Die Novizen Von Palermo (Il divieto di amare o La novizia di Palermo), una grande opera comica in 2 atti (da William Shakespeare) rappresentata con discreto successo allo Stadttheatre di Magdeburgo il 29 marzo 1836. Sempre nel 1836 si innamora dell’attrice Minna Planer e la sposa nel mese di novembre. Nel frattempo il teatro di Magdeburgo, dove entrambi lavorano, va in fallimento e Wagner si trova disoccupato e pieno di debiti. La Planer trova una scrittura a Königsberg e ottiene un posto anche per il marito. Fallito anche il teatro di Königsberg, Wagner si trasferisce a Riga, dove viene nominato maestro di cappella.