Schema sulle confessioni cristiane

Appunto inviato da pata
/5

Schema sulle confessioni cristiane.(Documento Word, 1 pag.) (0 pagine formato doc)

LE CONFESSIONI CRISTIANE LE CONFESSIONI CRISTIANE La Chiesa I Sacramenti Il Sacerdozio La Salvezza La Madonna CATTOLICI Il Papa è garante dell'unità della Chiesa.
Tutti i vescovi dipendono da lui. Sono sette, tutti istituiti da Gesù Ha il compito di celebrare i sacramenti; solo il prete può trasformare il pane e il vino nel corpo e nel sangue di Gesù. Il sacerdozio presuppone il celibato ed è riservato agli uomini La salvezza eterna è un dono di Dio. Deve essere conquistata con la fede e con le opere. Il culto della Madonna vergine e madre di Dio è una delle caratteristiche della fede cattolica. I cattolici credono nei dogmi che vanno presi alla lettera (Immacolata concezione - assunzione).
ORTODOSSI Non riconoscono il primato del Papa come successore; riconoscono l'autonomia delle singole Chiese; l'unità è garantita dall'unica fede e dallo Spirito Santo. Ne riconoscono sette, gli stessi dei Cattolici. Hanno una concezione analoga a quella cattolica, ma ammettono il matrimonio dei sacerdoti; il sacerdozio femminile non è previsto. La salvezza eterna è un dono di Dio. Deve essere conquistata con la fede e con le opere. Nutrono grande venerazione per la Madonna; l'Immacolata concezione e l'assunzione, non sono dogmi anche se verità accettabili. PROTESTANTI La vera Chiesa è quella spirituale che ha in Cristo il solo capo. L'unica autorità è quella della parola rivelata nella Bibbia. Ne riconoscono soltanto due: l'Eucarestia e il Battesimo. Ogni cristiano è sacerdote; i pastori hanno solo il compito di guidare le celebrazioni e i culti. Sono ammesse al sacerdozio le donne e i pastori possono sposarsi. E' esclusivamente un dono di Dio. Alcune confessioni protestanti parlano di predestinazione. La salvezza eterna è indipendente dalle colpe e dai meriti accumulati nella vita. Un manifestato rispetto per la Madonna contestano il culto dei cattolici e degli ortodossi che ritengono un indebita adorazione.