Storia del telefono

Appunto inviato da pioppa82
/5

I sistemi di telecomunicazione.La trasmissione e l'elaborazione dell'informazione.La trasmissione radio e la trasmissione ottica.I sistemi radiomobili.Lo sviluppo delle reti e dei servizi di telecomunicazioni.(formato word 12 pg) (0 pagine formato doc)

1 1.
Premessa Con il termine Telecomunicazioni si intende la teoria e la tecnica della trasmissione a distanza di messaggi o segnali, cioè suoni, immagini, testi, dati, e in generale informazioni di varia natura. I sistemi di telecomunicazione sono quindi insiemi di apparecchiature destinati a raccogliere informazioni, ad elaborarle ed a trasmetterle a uno o più destinatari secondo quanto richiesto dalle diverse applicazioni. Il termine informazione identifica una qualsiasi conoscenza suscettibile di essere comunicata. Per l'importanza crescente che l'informazione ha assunto nella vita di lavoro e in generale nella vita sociale, la società contemporanea viene talvolta definita "società dell'informazione". I contatti e gli scambi tra persone, organizzazioni e strutture di ogni genere si fanno sempre più stretti e coinvolgono aree sempre più vaste, tanto da interessare ormai l'intero pianeta.
Questo rende la trasmissione delle informazioni un'esigenza vitale, sia che essa avvenga su piccole distanze, ad esempio all'interno di un edificio o di una apparecchiatura, sia che si estenda a livello mondiale. Le telecomunicazioni sono una infrastruttura fondamentale del mondo contemporaneo. L'inizio delle telecomunicazioni può esser fatto risalire alla comparsa del telegrafo attorno al 1840. Dopo circa 40 anni, nasce il telefono, che di fatto ha costituito finora l'applicazione più importante per il progresso delle telecomunicazioni. Poco dopo, all'inizio del nostro secolo, appare la radio, e quindi, attorno al 1930, la televisione che aggiunge l'immagine alla trasmissione della voce. Poi, a partire dagli anni della seconda guerra mondiale, è un susseguirsi di innovazioni tecniche: il radar, il cavo coassiale, i semiconduttori, il calcolatore e le centrali di commutazione per la rete telefonica, l'integrazione dei circuiti elettronici in spazi sempre più minuscoli, il laser, i satelliti per telecomunicazioni, le fibre ottiche. Ciò ha consentito la realizzazione di servizi di telecomunicazioni sempre più complessi e sofisticati. La trasmissione dell'informazione vuol dire quindi non più solo telegrafia, telefonia e radiodiffusione come nella prima fase storica delle telecomunicazioni ma una pluralità di forme di comunicazione che si sono aggiunte via via che gli sviluppi delle tecnologie le hanno rese possibili. Il facsimile e le altre forme di posta elettronica, Internet, le teleconferenze video, l'interconnessione di calcolatori, terminali e macchine di ogni tipo, e l'interconnessione di utenti mobili sono solo alcuni esempi tra i più noti nel campo delle applicazioni più recenti. Gli elaboratori sono divenuti un elemento fondamentale nelle moderne reti di telecomunicazione, ed è nata la telematica, ambito in cui le tecnologie di trattamento dell'informazione interagiscono e si integrano con le tecnologie di trasmissione. D'altro canto i temi affrontati nell'ambito delle telecomunicazioni si sono estesi ben oltre il problema del trasferimento a distanza