La tematica del viaggio

Appunto inviato da valebthebest
/5

Il tema del viaggio in Petronio (Il Satyricon), in Apuleio (Le Metamorfosi), nel Manzoni (I Promessi Sposi) e in Verga (I Malavoglia). (file.doc, 2 pag) (0 pagine formato doc)

La tematica de Il Viaggio La tematica de Il Viaggio Ne “I Promessi Sposi “ di Alessandro Manzoni, il protagonista Renzo, compie un lungo viaggio: la sua partenza è apparentemente obbligata, sembra un capriccio di un signorotto di provincia, ma in realtà l'addio al nido è un elemento costitutivo fondamentale per l'evoluzione del personaggio.
“Renzo era un giovane pacifico e alieno dal sangue, un giovane schietto e nemico di ogni insidia; ma in quei momenti il suo cuore non batteva che per l'omicidio”(capitolo I). Renzo era un buon giovine, ma secondo la concezione Manzoniana, avrebbe dovuto anche diventare un buon cristiano: in principio fraintende il vero significato di “giustizia”; deluso dalle istituzioni e dalle leggi(grida), il giovane esuberante pensa ad una vendetta personale. Soltanto attraverso un lungo percorso riuscirà a comprendere che la sola e vera giustizia è quella divina di cui gli uomini no0n possono comprendere né i modi, né i tempi.
Per questo motivo alla fine del romanzo perdonerà la causa del suo mancato matrimonio(Don Rodrigo) senza il quale non avrebbe potuto formare una famiglia; egli deve adempiere appieno ai principi etici- religiosi per diventare un buon cristiano. Renzo d'altronde, dopo aver abbandonato il proprio paese e recatosi a Milano, si trova perso equivocando tutto ciò che accade: così prima dell'arrivo in città trova pani e farina sparsa per terra immaginando che siano segni di abbondanza esclama” Che sia il paese di cuccagna questo?”. Privo di strumento adatti alla comprensione della situazione, Renzo si schiera dalla parte della folla, accusando i fornai di nascondere il pane. La calca che inizialmente lo aveva ingannato, lo aiuta invece quando l'oste della Luna Piena lo accusa di essere un cospiratore e iniziatore dei tumulti di S.Martino: ammanettato, viene riportato sulla strada dove il giorno prima aveva avuto luogo la sollevazione. Da giovane astuto si mescola nella folla e scappa: questa esperienza lo aiuta a maturare e lo mette in contatto con la realtà. Conosce così il vero mondo che lo circonda, non solo fatto di un capriccio di un signorotto o della temerarietà di un curato, ma uscendo dal nido, un luogo protetto, viene immediatamente a contatto con la brutale natura umana. L'unica istituzione socialmente integra che può tenere insieme i principi etici- religiosi è la famiglia che Renzo formerà con Lucia al termine del proprio percorso formativo. La famiglia è uno dei temi cardini de “I Malavoglia”: per la sua unità e organicità viene descritta inizialmente come un pugno, ma a seguito “delle prime irrequietudini pel benessere”, il pugno si sfalda. Inizialmente il carico di lupini , che avrebbe potuto fare dei Malavoglia dei piccoli proprietari, naufraga insieme a Bastianazzo. La partenza di `Ntoni per Napoli a causa della leva obbligatoria , è fatale: il ragazzo viene a contatto con una realtà completamente differente. Egli no